domenica 04 dicembre | 01:13
pubblicato il 05/lug/2011 05:10

Manovra, spunta norma salva-Fininvest. Giallo rinnovabili

A pochi giorni da appello Mondadori. Bersani:insulto a Parlamento

Manovra, spunta norma salva-Fininvest. Giallo rinnovabili

Roma, 5 lug. (askanews) - Una norma 'ad hoc' sul lodo Mondadori che potrebbe evitare a Fininvest, la holding della famiglia Berlusconi, il risarcimento di 750 milioni di euro alla Cir: due modifiche al codice di procedura civile, contenute nella bozza della manovra del governo, potrebbero infatti influire anche sull'attesa sentenza d'appello. La bozza prevede lo stop in appello all'esecuzione delle condanne civili che superano i dieci milioni di euro e stop in Cassazione per quelle che vanno oltre i 20 milioni di euro in cambio di una idonea cauzione. Norme che calzano alla sentenza per il lodo Mondadori, prevista per la fine di questa settimana. "Una cosa del genere, qualora fosse confermata, sarebbe la prova - ha detto il segretario Pd Bersani - che per tutti gli italiani la manovra sarà un problema e per il presidente Berlusconi una soluzione. Voglio credere che non si insulti il Parlamento trasmettendogli una norma del genere". E' sempre giallo sugli incentivi alle rinnovabili, che sembra uscire, rientrare e poi nuovamente uscire dalla manovra. Un'ultima bozza prevedeva nuovamente la norma sul taglio del 30% degli incentivi pagati in bolletta per finanziare le rinnovabili e altre voci che pesano sui consumatori finali. Taglio che avrebbe portato ad una riduzione di circa il 3% della bolletta della luce. Ma sono arrivate subito le smentite dei ministri Stefania Prestigiacomo e dello Sviluppo Economico Paolo Romani. La manovra prevede anche il taglio dei costi della politica ma arriverà "a decorrere dalle prossime elezioni". Gli stipendi di politici, corte costituzionale, magistratura, alti funzionari statali, Cnel, autorità indipendenti, amministratori locali e delle agenzie non potrà "superare la media" degli analoghi trattamenti previsti negli altri stati dell'area euro. E sempre dalla prossima legislatura, il finanziamento ai partiti politici, vedrà un ulteriore calo del 10% che andandosi a cumulare con i tagli già previsti vedrà una "riduzione complessiva del 30%". A partire dall'anno in corso scatta anche il superbollo per le auto di lusso. E' confermata la stretta sulla rivalutazione degli assegni pensionistici che superano i 1.428 euro. Gli assegni pensionistici fino a quella cifra saranno rivalutati al 100%; per la parte eccedente i 1.428 euro scatta invece la tagliola, nel senso che la parte dell'assegno da 1.428 euro fino a 2.380 euro vedrà una rivalutazione del 45% rispetto all'inflazione e la parte eccedente ai 2.380 euro non vedrà alcuna rivalutazione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari