sabato 03 dicembre | 19:22
pubblicato il 01/set/2011 16:51

Manovra/ Regioni-Comuni-Province: Compromessi servizi, stop tagli

Ineludibile l'integrazione dei livelli istituzionali

Manovra/ Regioni-Comuni-Province: Compromessi servizi, stop tagli

Roma, 1 set. (askanews) - Conferenza delle Regioni, Anci e Upi condividono la necessità di rigore nei conti pubblici. Ma il carico complessivo delle ultime tre manovre ha raggiunto un livello che, "se non viene corretto, compromette l'erogazione di servizi fondamentali per i cittadini": dal trasporto pubblico locale all'assistenza sanitaria, dal welfare alle infrastrutture, solo per citare alcuni settori di maggiore impatto e sui quali le sinergie fra Regioni ed enti locali potranno continuare a fornire risposte adeguate solo se saranno azzerati i tagli dell'ultima manovra. Si tratta a questo punto di rivisitare quindi la manovra, partendo dai servizi che possono essere effettivamente erogati nei territori", afefrmano in una nota congiunta Regioni, Provicne e Comuni. Il sistema delle autonomie ribadisce la necessità di considerare ineludibile l'integrazione dei livelli istituzionali, sia in un'ottica di riordino delle funzioni che di razionalizzazione della spesa pubblica. Regioni, Comuni e Province considerano quindi superata la logica dei comparti e rifiutano tavoli separati: "la discussione sulla manovra deve coinvolgere l'intero sistema delle autonomie che come tale deve essere considerato anche rispetto alle conseguenze delle scelte intraprese.Questa del resto è stata la logica che ci ha portato a contribuire al processo di costruzione della legge delega sul federalismo fiscale (L.42/09), un processo che il combinato disposto delle ultime manovre compromette fortemente attraverso la riduzione strutturale dei trasferimenti che, per molte funzioni, sono stati azzerati".Il totale annullamento dei trasferimenti alle Regioni e i tagli ai trasferimenti ai Comuni e alle Province "non sono solo un ostacolo per il processo del federalismo fiscale, ma si traduce in un impatto fortemente negativo sul servizio del trasporto pubblico locale, sull'assistenza sociale, sulla formazione, sulla tutela della salute, attraversando così di fatto tutte le autonomie territoriali". Regioni, Comuni e Province ritengono necessario elaborare una proposta di rilancio e di sviluppo del Paese, che si articoli sui seguenti tre assi: Piano di riordino istituzionale che abbia effetti immediati; Piano di risanamento e stabilità; Piano di investimenti per la crescita.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Riforme
Referendum, Grillo: Paese spaccato, vincere o perdere è uguale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari