martedì 06 dicembre | 09:14
pubblicato il 05/dic/2011 21:18

Manovra/ Pdl resta inquieto, Berlusconi 'chiede' fiducia a Monti

Ex An fremono, ma il Cav e Alfano puntano a linea 'buonista'

Manovra/ Pdl resta inquieto, Berlusconi 'chiede' fiducia a Monti

Roma, 5 dic. (askanews) - Secondo chi conosce bene la psiche di Silvio Berlusconi, ogni citazione che Mario Monti gli ha riservato oggi in Aula (due dirette, qualche altra indiretta) ha permesso via via di abbassare ulteriormente l'asticella posta dal Pdl al premier per l'approvazione della manovra. Che in realtà si traduce in qualche limitata modifica a un testo che, nel complesso, è già stato abbondantemente digerito dai vertici del partito. E d'altra parte, al netto della propaganda pidiellina, non è un mistero che a Palazzo Grazioli la forma presa dal provvedimento anticrisi abbia provocato se non soddisfazione, quantomeno apprezzamento. E così Berlusconi si appresta a benedire la manovra del suo successore senza particolari patemi e con un unico obiettivo: far sfogare la pancia del Pdl, gli aennini inquieti e qualche forzista anti-tasse della prima ora, agevolando il cammino dell'esecutivo (e il proprio), fino al punto di sollecitare (e auspicare) una rapida approvazione facendo ricorso a una fiducia capace di tramortire ogni dissenso interno. Domattina il Cavaliere riunirà l'Ufficio di presidenza per affermare la linea del partito. Non è un mistero che la scelta di Monti di rinunciare al ritocco dell'Irpef abbia fatto piacere dalle parti di via dell'Umiltà. E la decisione di non ricorrere alla patrimoniale, quella soprattutto avrebbe fatto sorridere Berlusconi. Il quale, secondo diverse fonti, sembra essersi davvero calato (almeno per il momento) nel ruolo di sostenitore dell'esecutivo. Non abbastanza da fare concorrenza a Casini, ma tanto da non averlo nascosto neanche oggi, durante un vertice a palazzo Grazioli. "E poi guardate che fine sta facendo il Pd", avrebbe rilevato Berlusconi. Se Silvio ride - invitando il governo a porre la fiducia per approvare il testo, giurando lealtà a Monti e indicando nelle commissioni parlamentari la sede dove "migliorare" una manovra comunque da sostenere nel suo complesso - una parte del partito si agita, scalpita, cerca di individuare margini di manovra. Sono soprattutto i dirigenti che fin dall'inizio hanno provato a reclamare le urne in chiave anti Monti. Da Giorgia Meloni a Ignazio La Russa fino ad Altero Matteoli, in queste giorni buona parte degli ex An chiede in coro modificare al testo, all'insegna dell'equità. Sull'Ici, in particolare, si concentra l'attenzione di chi ritiene che la prossima battaglia debba portare a salvaguardare i proprietari delle prime case. Ma nel mirino di una parte dei malpancisti ci sarebbe in realtà anche la gestione di questa fase da parte del segretario Alfano. E forse non è un caso che i big ex FI che lo sostengono rilevano un presunto feeling di Angelino con il Professore-premier. "Si incontrano, parlano al telefono, i due lavorano bene assieme". C'è chi si spinge a ipotizzare anche patti in vista del 2013, in un'ottica di spartizione di Palazzo Chigi e del Colle. Fantapolitica, per ora, ma il solo parlarne autorizza a rilevare la distanza con l'ala "perplessa" del pidielle. Stando alla cronaca, invece, da più parti già si immagina l'esito della riunione di domani a Grazioli. Sarà uno "sfogatoio", rilevano diverse fonti, servirà anche ad ex forzisti come Brunetta e Martino per mettere in guardia dal rischio di un eccessiva pressione fiscale e marcare distanza. Ma finirà con un voto compatto - o quasi - sulla linea indicata oggi in Aula da Fabrizio Cicchitto: servono miglioramenti, a partire dall'Ici, ma il sostegno del Pdl a Monti comunque non è in discussione. Sperando, forse, che il governo ponga la fiducia. Per tirare la corda, strappare o rompere non mancherà infatti il tempo, come è stato ripetuto anche in queste ore ai malpancisti in fermento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari