mercoledì 18 gennaio | 07:01
pubblicato il 08/dic/2011 05:10

Manovra/ Pd-Terzo Polo-Pdl d'accordo ad attenuare Imu e pensioni

Ora si studia con il Governo la copertura alternativa

Manovra/ Pd-Terzo Polo-Pdl d'accordo ad attenuare Imu e pensioni

Roma, 8 dic. (askanews) - Pensioni e Imu per la prima casa: sono questi i 'dossier' su cui stanno lavorano attraverso contatti bilaterali i dirigenti di Pd, Terzo polo e Pdl per provare ad ottenere delle correzioni della manovra senza infilarsi in una giungla di emendamenti. Dalla commissione Lavoro di Montecitorio è già arrivato un parere favorevole ad includere anche le pensioni pari a tre volte il minimo tra quelle escluse dal blocco dell'indicizzazione. I dirigenti dei partiti che sostengono il Governo stanno anche studiando una proposta per attenuare l'impatto dell'Imu sulla prima casa: si ragiona sull'aumento della franchigia di 200 euro attualmente previsti e c'è chi propone anche di introdurre dei meccanismi che leghino l'uso della franchigia anche al valore della casa, in modo da escludere le case di lusso e di riservare lo sconto solo agli immobili delle fasce di reddito medio-basso. Il tutto, in continuo raccordo con il Governo, in particolare attraverso il ministro per i Rapporti con il Parlamento Pietro Giarda. Tutti e tre i partiti, infatti, sanno bene che è meglio gestire le richieste di modifica con una regia, affidata all'Esecutivo, che permetta di evitare anche l'emergere di divisioni interne, soprattutto in Pdl e Pd. Inoltre, c'è il problema delle coperture: si sta ragionando in che modo garantire la copertura per le modifiche previste. Per quanto riguarda le pensioni, il Pd chiede l'aumento dell'aliquota dell'1,5% per i capitali rientrati con lo scudo, mentre il Pdl preferirebbe ricorrere alle dismissioni del patrimonio pubblico. Problema che esiste anche per l'Imu, anche se in questo caso non si può pensare di usare i capitali scudati: per coprire una mancata entrata strutturale servono infatti coperture che abbiano carattere ugualmente strutturale, e la tassa sui capitali scudati è un' 'una tantum': l'idea di escludere le case di lusso dalla franchigia potrebbe, almeno parzialmente, andare incontro a questa esigenza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa