lunedì 05 dicembre | 10:16
pubblicato il 28/giu/2011 05:10

Manovra/ Oggi vertice dopo tensioni vigilia. Opposizione attacca

Crosetto dà voce a malumore su Tremonti. Bersani: No a diktat

Manovra/ Oggi vertice dopo tensioni vigilia. Opposizione attacca

Roma, 28 giu. (askanews) - Sarà oggi all'ora di pranzo il vertice di maggioranza con Silvio Berlusconi: un mezzogiorno di fuoco per la coalizione di governo, percorsa dallo scontro sulla manovra riacceso ieri dal sottosegretario Guido Crosetto che ha rimesso nel mirino il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Le bozze della manovra economica firmata dal titolare di via XX Settembre "andrebbero analizzate da uno psichiatra", ha tuonato il sottosegretario alla Difesa, spiegando che "per fare il ministro così basta anche un ragioniere". Uno scontro sul quale intervengono tutti i leader dell'opposizione, per denunciare sia l'incompatibilità ormai acclarata tra il premier e il 'superministro', sia il merito di quanto trapelato sui giornali. Oggi quindi arriverà al pettine uno dei nodi più ingarbugliati per la maggioranza, anche perchè diverse fonti del Pdl confermano che Crosetto avrebbe dato voce al malumore dello stesso premier. Indiscrezione smentita dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti, ma senza convincere più di tanto. Visto che il capogruppo del Pdl alla Camera Cicchitto sottolinea come "nel contesto attuale è indispensabile conoscere, prima di prendere decisioni, la qualità e non sono la quantità della manovra economica". Con Crosetto anche il deputato Giuseppe Moles, vicino all'ex ministro Martino, mentre a difesa di Tremonti si espone solo Versace. Da registrare poi la posizione della Lega, che con Bossi avverte Tremonti: "Siamo contrari ad interventi sulle pensioni". Nonostante questo quadro, Berlusconi rivendica la "coesione" della sua maggioranza. Ma l'opposizione è di tutt'altro avviso: lo scontro in atto "è la dimostrazione che la maggioranza non ha più la coesione necessaria per andare avanti", accusa il vice segretario del Pd Enrico Letta per il quale "ogni giorno che passa l'incompatibilità tra Berlusconi e Tremonti emerge sempre di più: ormai esistono due governi". E anche il leader Udc Casini accoglie con scetticismo l'appello del premier al dialogo,; "Credo che piuttosto debba fare un appello alla propria maggioranza per rimanere uniti ed evitare la paralisi". L'impatto della manovra sul Paese è invece la preoccupazione di Pierluigi Bersani, che avverte: "Non accetteremo diktat dalla maggioranza". Anche Nichi Vendola teme che la manovra si risolverà in una "patrimoniale dei poveri, estraendo dalle tasche degli italiani, esattamente dei ceti medi e bassi, tutto quello che si potrà estrarre". Antonio Di Pietro annuncia invece la 'contromanovra' dell'Idv, che sarà presentata oggi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari