martedì 17 gennaio | 13:51
pubblicato il 06/dic/2011 20:07

Manovra/ Lega: E' incostituzionale,ma chi deve controllare tace

Caparini: Monti e suoi tecnici peggiori emuli di prodi

Manovra/ Lega: E' incostituzionale,ma chi deve controllare tace

Roma, 6 dic. (askanews) - Continuano le bordate della Lega contro la manovra del Governo Monti da domani all'esame della Camera e bollata oggi come "incostituzionale dal Carroccio, nel giorno in cui il decreto è stato firmato al Quirinale dal Presidente della Repubblica. "A differenza dei decreti leggi varati dal precedente governo a cui tutti, a cominciare dal Capo dello Stato, facevano le pulci, ne correggevano finanche le virgole, invocando sempre e pretestuosamente il totale rispetto della Costituzione, il decreto legge presentato da Monti presenta evidentissime incostituzionalità a partire dal taglio delle province ma tutti quelli che dovrebbero parlare, invece preferiscono tacere e far finta di nulla", ha denunciato il Alessandro Montagnoli, vicepresidente dei deputati della Lega Nord. "Per non parlare delle altre misure della manovra che - ha afermato ancora Montagnoli - sono davvero inqualificabili, dall'innalzamento dell'età pensionabile che danneggia in particolare tantissimi lavoratori del Nord all'aumento di 2 punti percentuali dell'Iva, dal ripristino dell'Ici sulla prima casa all'aumento delle accise sui carburanti. E' una manovra basata tutta sulle tasse che finirà col peggiorare la situazione per famiglie e piccole e medie imprese. Noi faremo in Parlamento una battaglia durissima: ormai l'unica soluzione per salvare le nostre imprese, i nostri lavoratori le pensioni e dare un futuro ai giovani è l'indipendenza della Padania". "Monti e i suoi tecnici - ha fatto eco Davide Caparini, presidente della commissione bicamerale per le questioni regional- hanno confermato di essere i peggiori emuli di Prodi facendo cassa colpendo senza ritegno i lavoratori, i pensionati e i piccoli riparmiatori. Abolire le pensioni di anzianità e rimettere, aumentandola, l'Ici sulla prima casa vuol dire solo massacrare i cittadini onesti. Sull'altro fronte questo Governo non solo non fa niente per la crescita e per combattere il debito pubblico, vero responsabile del disastro economico del Paese ma ha deciso fare gli interessi delle banche. Misure recessive ed ingiuste contro cui ci batteremo nelle commissioni e in Aula dove la manovra arriva blindata. Faremo proposte per correggere gli orrori contenuti in questo testo e attendiamo alla prova dei fatti la sinistra come la destra. Un bel boccone amaro per i deputati del Pd votare così contrarie agli interessi dei lavori e dei pensionati". Dalla Lega, inoltre, attacchi anche alla difesa della integrazione dei Rom venuta oggi dal ministro Riccardi. "Riccardi invece di preoccuparsi dei rom - ha dichiarato Marco Maggioni, capogruppo della Lega Nord in commissione politiche Ue alla Camera - rifletta sulle difficili condizioni economiche di tutti quei cittadini che l'esecutivo di cui fa parte rischia veramente di mettere ai margini. Sarà il popolo a giudicare questo governo che ha messo al muro chi ha lavorato e risparmiato per una vita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa