domenica 04 dicembre | 11:34
pubblicato il 20/ago/2011 14:51

Manovra/ Ici Vaticano, protesta sul web.Civati al Pd: riflettiamo

Sul sito del partito, commenti arrabbiati degli utenti

Manovra/ Ici Vaticano, protesta sul web.Civati al Pd: riflettiamo

Roma, 20 ago. (askanews) - Mentre, alla vigilia della discussione parlamentare sulla manovra, monta sul web la protesta contro l'esenzione fiscale sugli immobili della Chiesa, con migliaia di utenti che partecipano a gruppi (su Facebook, "Vaticano pagaci tu la manovra finanziaria" ha superato i 30mila iscritti e cresce di minuto in minuto, e ce ne sono anche altri) e firmano petizioni online ("Ici applicata a tutti i beni immobili del Vaticano presenti sul territorio italiano"), la questione stenta a decollare nel dibattito tra le forze politiche presenti in Parlamento. "Eppure ora il tema non è da accademia: c'è una necessità", dice Pippo Civati, 'rottamatore' del Pd che due giorni fa sul suo blog si è espresso senza equivoci: "Ma perché la Chiesa non fa opera di carità e misericordia rinunciando alle esenzioni fiscali sugli immobili per alleviare le sofferenze dei credenti?". Una "riflessione che anche il Pd dovrebbe affrontare", è l'invito di Civati. Tanto più che sul sito del partito, sotto il testo del 'contro-piano Democratico' sulla crisi, ci sono già diversi commenti che notano l'assenza della "proposta di 'far pagare le tasse anche alla Chiesa' (il più grande immobiliarista italiano)", si legge. "Nel momento in cui a tutti si chiede uno sforzo considerevole per fare sacrifici, termine tra l'altro vicino alla cultura ecclesiastica, Bagnasco oltre a spiegarci che l'evasione è uno scandalo e che c'è bisogno che la finanziaria non colpisca la famiglia, dovrebbe valutare quanto pesano le esenzioni fiscali per i beni immobili della Chiesa sul bilancio dello Stato", aggiunge Civati, ricordando di essere "da tempo impegnato in una campagna più generica per tassare gli immobili e detassare il lavoro, che calza a pennello per il ragionamento odierno sui beni del Vaticano". Una posizione alquanto isolata all'interno delle forze politiche anche di sinistra. E di certo questa volta Civati non potrà contare nemmeno sul suo collega 'rottamatore' Matteo Renzi, con il quale pure ha condiviso la battaglia di critica alla dirigenza del Pd. Il sindaco di Firenze, si sa, è di cultura cattolica. Ma Civati insiste: "Non è una questione di laicisti contro cattolici, io non tocco l'otto per mille e non mi addentro in Concordato e Patti Lateranensi. Da laico proveniente dalla cultura dell'Ulivo, io dico solo, senza alcuna strumentalità, che se il momento è tragico lo è per tutti, anche la Chiesa dovrebbe rendersene conto. E' come per la 'casta' della politica". Quanto a eventuali sensazioni di isolamento nel partito, "bisogna capirsi: se il momento è tragico, a mali estremi, estremi rimedi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari