venerdì 20 gennaio | 06:54
pubblicato il 20/ago/2011 14:51

Manovra/ Ici Vaticano, protesta sul web.Civati al Pd: riflettiamo

Sul sito del partito, commenti arrabbiati degli utenti

Manovra/ Ici Vaticano, protesta sul web.Civati al Pd: riflettiamo

Roma, 20 ago. (askanews) - Mentre, alla vigilia della discussione parlamentare sulla manovra, monta sul web la protesta contro l'esenzione fiscale sugli immobili della Chiesa, con migliaia di utenti che partecipano a gruppi (su Facebook, "Vaticano pagaci tu la manovra finanziaria" ha superato i 30mila iscritti e cresce di minuto in minuto, e ce ne sono anche altri) e firmano petizioni online ("Ici applicata a tutti i beni immobili del Vaticano presenti sul territorio italiano"), la questione stenta a decollare nel dibattito tra le forze politiche presenti in Parlamento. "Eppure ora il tema non è da accademia: c'è una necessità", dice Pippo Civati, 'rottamatore' del Pd che due giorni fa sul suo blog si è espresso senza equivoci: "Ma perché la Chiesa non fa opera di carità e misericordia rinunciando alle esenzioni fiscali sugli immobili per alleviare le sofferenze dei credenti?". Una "riflessione che anche il Pd dovrebbe affrontare", è l'invito di Civati. Tanto più che sul sito del partito, sotto il testo del 'contro-piano Democratico' sulla crisi, ci sono già diversi commenti che notano l'assenza della "proposta di 'far pagare le tasse anche alla Chiesa' (il più grande immobiliarista italiano)", si legge. "Nel momento in cui a tutti si chiede uno sforzo considerevole per fare sacrifici, termine tra l'altro vicino alla cultura ecclesiastica, Bagnasco oltre a spiegarci che l'evasione è uno scandalo e che c'è bisogno che la finanziaria non colpisca la famiglia, dovrebbe valutare quanto pesano le esenzioni fiscali per i beni immobili della Chiesa sul bilancio dello Stato", aggiunge Civati, ricordando di essere "da tempo impegnato in una campagna più generica per tassare gli immobili e detassare il lavoro, che calza a pennello per il ragionamento odierno sui beni del Vaticano". Una posizione alquanto isolata all'interno delle forze politiche anche di sinistra. E di certo questa volta Civati non potrà contare nemmeno sul suo collega 'rottamatore' Matteo Renzi, con il quale pure ha condiviso la battaglia di critica alla dirigenza del Pd. Il sindaco di Firenze, si sa, è di cultura cattolica. Ma Civati insiste: "Non è una questione di laicisti contro cattolici, io non tocco l'otto per mille e non mi addentro in Concordato e Patti Lateranensi. Da laico proveniente dalla cultura dell'Ulivo, io dico solo, senza alcuna strumentalità, che se il momento è tragico lo è per tutti, anche la Chiesa dovrebbe rendersene conto. E' come per la 'casta' della politica". Quanto a eventuali sensazioni di isolamento nel partito, "bisogna capirsi: se il momento è tragico, a mali estremi, estremi rimedi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale