sabato 21 gennaio | 15:21
pubblicato il 28/ago/2011 20:55

Manovra/ Domani vertice per convincere Tremonti su modifiche

Ad Arcore Bossi, ma anche Alfano e i capigruppo di Pdl e Lega

Manovra/ Domani vertice per convincere Tremonti su modifiche

Roma, 28 ago. (askanews) - L'intesa, almeno di massima, tra Pdl e Lega è stata trovata, assicurano fonti della maggioranza, ma la sensazione è che Giulio Tremonti sia ancora da convincere e solo domani pomeriggio si capirà se la maggioranza è stata in grado di superare lo scoglio-manovra. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti si è detto certo che "l'intesa domani verrà perfezionata", ma il ministro dell'Economia rimane in silenzio, pronto a parlare solo domani davanti alle proposte che verranno formalizzate. I contatti, ovviamene, non sono mancati, e i dubbi di Tremonti sull'Iva non paiono del tutto superati. L'aumento dell'Iva il ministro lo aveva già messo in conto per coprire gli eventuali buchi dovuti alla delega fiscale e difficilmente Tremonti accetterà che l'intera somma così recuperata venga usata solo per ridurre i tagli ai comuni o 'ammorbidire' il contributo di solidarietà, che dovrebbe scattare solo da 180-200mila euro in su. C'è poi la 'patrimoniale' ipotizzata dalla Lega che però, avverte un dirigente Pdl di primo piano, "dovrà essere esaminata nella sua praticabilità". L'unica cosa che pare certa, perché è condizione irrinunciabile per la Lega, è che non verranno toccate le pensioni. Tutto, però, dovrà essere verificato al tavolo domani. Per Tremonti quelle circolate fino ad ora sono solo 'ipotesi giornalistiche', il ministro attende di conoscere le misure che concretamente arriveranno domani da Lega e Pdl. Di sicuro, non si potrà contare sul sostegno dell'opposizione, vista l'intransigenza del Pd ("La manovra è peggiorata, faremo opposizione dura", ha detto oggi Enrico Letta) e il no di Pier Ferdinando Casini: "E' sparito il clima di coesione nazionale e non voto una manovra senza riforme". La maggioranza, del resto, fa già abbastanza fatica a trovare un'intesa interna. "Ancora non si può dire con certezza quali saranno i cambiamenti - ha detto Bonaiuti -, quello che appare è il salvataggio dei piccoli comuni, il demandare la questione delle Province, soprattutto, a un disegno costituzionale più ampio con dentro anche il dimezzamento dei parlamentari e rivedere il contributo di solidarietà".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4