sabato 21 gennaio | 16:33
pubblicato il 04/lug/2011 14:25

Manovra/ Di Pietro: classica patacca rifilata agli italiani

"Nessun intervento su costi politica, tagli per fasce deboli"

Manovra/ Di Pietro: classica patacca rifilata agli italiani

Roma, 4 lug. (askanews) - "Nemmeno stavolta il presidente del consiglio-tappetaro ha smentito se stesso. La manovra economica è prima di tutto una classica patacca rifilata agli italiani. Tante parole ma, nella sostanza, tutto è rinviato al 2013-14". Torna all'attacco il leader dell'Idv Antonio Di Pietro che, questa mattina, ha scritto un lungo post sul suo blog. "In particolare - ha spiegato il leader politico - non c'è nessunissimo intervento sui costi della politica, o meglio sui costi dell'inefficienza della politica. Tutti gli enti inutili ma costosissimi resteranno al loro posto e così i consigli d'amministrazione". Per il leader dell'Idv "La logica del governo è semplice: nessun interesse, specialmente quelli più potenti, può essere toccato, soprattutto quando mancano al massimo 18 mesi alle prossime elezioni. Meglio sospendere e rinviare tutto. Così, se nel 2013 al governo ci sarà il centrosinistra, saremo noi a dover sbrogliare la matassa e se, invece, sarà stata confermata la destra di sforbiciare l'inefficienza della politica non se ne parlerà più: passata la festa, gabbato lo santo. Infatti, da questa manovra una sola cosa emerge chiara, ovvero quali saranno, tra due anni, le vittime dei tagli: i malati, i giovani, gli studenti e i pensionati". Di Pietro, tornato combattivo dopo alcuni giorni, "I tagli indicati sono la solita macelleria sociale. Colpiranno sanità, scuola e previdenza senza toccare nemmeno un privilegio o un costo inutile della politica. Ma a pagare la propaganda di Berlusconi - ha chiarito - saranno tutti i cittadini. Anche questo si chiama conflitto d'interessi. Da una parte ci sono quelli del presidente del consiglio e del governo. Dall'altra quelli del popolo italiano". "La strada alternativa c'è: l'Italia dei Valori l'ha indicata presentando la sua contomanovra nella quale ha proposto misure precise partendo dall'abolizione degli ingenti privilegi della Casta e dalla lotta all'evasione. Se il governo - ha concluso Di Pietro - ha realmente la volontà di collaborare con l'opposizione faccia un passo indietro, accolga le nostre proposte e garantisca che non porrà la fiducia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4