domenica 22 gennaio | 23:52
pubblicato il 24/ago/2011 18:41

Manovra/ Damiano (Pd): Sciopero? Ora serve massimo di coesione

"Articolo 8 decreto finanza pubblica è pericoloso"

Manovra/ Damiano (Pd): Sciopero? Ora serve massimo di coesione

Roma, 24 ago. (askanews) - La Cgil può legittimamente decidere lo sciopero generale, ma per il Pd sarebbe meglio evitare soluzioni che dividono il fronte sindacale in questo momento. Cesare Damiano, deputato Pd, ex ministro del Lavoro ed ex dirigente Cgil, ha commentato così la decisione del sindacato guidato da Susanna Camusso: "Un partito non può interferire sulle decisioni sindacali, sulle scelte di contenuto o di mobilitazione. Al tempo stesso, è evidente che la scelta della Cgil sullo sciopero sta creando una situazione diciamo di contrapposizione tra i sindacati". "Nessuno - ha proseguito - mette in dubbio la legittimità di questa scelta, stante anche la pesantezza della manovra del governo e soprattutto la mancanza in questa manovra di equità sociale e di interventi per lo sviluppo e l'occupazione. Ciò detto, è evidente che come Pd noi abbiamo lavorato e lavoreremo perché divisioni che ci auguriamo siano momentanee vengano superate: in questo momento è fondamentale il massimo di convergenza e di coesione, come si era positivamente e magistralmente verificato il 28 giugno scorso". Inoltre, ha detto Damiano, "registriamo anche diversità di posizioni sulla manovra a partire dal cosiddetto articolo 8 del decreto di finanza pubblica: su questo punto, come partito, fin dall'inizio abbiamo rilevato la pericolosità della norma, che assegna alla contrattazione aziendale la possibilità di derogare leggi e contratti. Senza che quegli accordi vengano sottoposti alla prova della certificazione di rappresentatività di chi li firma e al voto di rsu o lavoratori. Un passo indietro rilevante, rispetto alla stessa intesa del 28 giugno. Inoltre la derogabilità riguarda lo statuto dei lavoratori, l'articolo 18, che potrebbe consigliare le imprese meno responsabili ad utilizzare una possibilità di licenziamento stipulando specifici accordi aziendali, in un momento come l'attuale in cui saremo costretti a fare i conti con un vero e proprio shock occupazionale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4