domenica 04 dicembre | 07:28
pubblicato il 07/lug/2011 17:24

Manovra/ Berlusconi:Salva-Fininvest non scritta io,tutti sapevano

"E' sacrosanta, si può reinserire in Parlamento"

Manovra/ Berlusconi:Salva-Fininvest non scritta io,tutti sapevano

Roma, 7 lug. (askanews) - Silvio Berlusconi dà la sua versione sul giallo del comma 23, ossia la norma salva-Fininvest, prima inserita in manovra e poi ritirata, e di cui nessuno si è voluto assumere la paternità. Per spiegare che quella norma era stata discussa in Consiglio dei ministri e dunque era nota a tutti, compresi Tremonti e la Lega, e che comunque resta "sacrosanta". Al punto che potrebbe essere ripresentata "durante il percorso in Parlamento" perchè a quel punto la sentenza sul maxi risarcimento per il Lodo Mondadori sarà già stata emessa e nessuno potrà più dire che si è trattato dell'ennesima legge "ad personam". Il presidente del Consiglio ha parlato durante la presentazione del libro di Domenico Scilipoti il "re dei peones" ed è sembrato volersi togliere qualche sassolino dalla scarpa. Il primo: la norma "non l'ho scritta io" ha premesso. Secondo sassolino: "E' stata discussa durante il Cdm" e "Tremonti - ha spiegato - non ha ritenuto di portarla al voto, essendo sicuro che tutti i componenti della coalizione fossero d'accordo". Terzo: "Calderoli - ha riferito il premier - mi ha detto 'perchè non me l'hai detto l'avrei scritta meglio e l'avrei sostenuta'". Berlusconi ci ha anche tenuto a ribadire che "io e la Fininvest non abbiamo bisogno di nessuna norma per salvarci" e comunque "questa norma è sacrosanta, equilibrata, ed è molto semplice spiegarla: mi sembra logico che ci sia una fidejussione che garantisca la possibilità di restituire i soldi ove si ribalti la sentenza di terzo grado. Si può anche rimandare il pagamanto al terzo grado", ma in ogni caso "è la norma più giusta e sacrosanta che si possa immaginare". Ma se questa è la versione del premier, a confutarla, almeno per quello che lo riguarda, è il ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli. "Ribadisco, ancora una volta - ha affermato in una nota - di non aver mai ne' letto ne' visto la cosiddetta norma sul Lodo Mondadori e di aver appreso della sua esistenza soltanto dai lanci delle agenzie di stampa, la settimana successiva al Consiglio dei ministri".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari