mercoledì 18 gennaio | 09:35
pubblicato il 07/lug/2011 17:24

Manovra/ Berlusconi:Salva-Fininvest non scritta io,tutti sapevano

"E' sacrosanta, si può reinserire in Parlamento"

Manovra/ Berlusconi:Salva-Fininvest non scritta io,tutti sapevano

Roma, 7 lug. (askanews) - Silvio Berlusconi dà la sua versione sul giallo del comma 23, ossia la norma salva-Fininvest, prima inserita in manovra e poi ritirata, e di cui nessuno si è voluto assumere la paternità. Per spiegare che quella norma era stata discussa in Consiglio dei ministri e dunque era nota a tutti, compresi Tremonti e la Lega, e che comunque resta "sacrosanta". Al punto che potrebbe essere ripresentata "durante il percorso in Parlamento" perchè a quel punto la sentenza sul maxi risarcimento per il Lodo Mondadori sarà già stata emessa e nessuno potrà più dire che si è trattato dell'ennesima legge "ad personam". Il presidente del Consiglio ha parlato durante la presentazione del libro di Domenico Scilipoti il "re dei peones" ed è sembrato volersi togliere qualche sassolino dalla scarpa. Il primo: la norma "non l'ho scritta io" ha premesso. Secondo sassolino: "E' stata discussa durante il Cdm" e "Tremonti - ha spiegato - non ha ritenuto di portarla al voto, essendo sicuro che tutti i componenti della coalizione fossero d'accordo". Terzo: "Calderoli - ha riferito il premier - mi ha detto 'perchè non me l'hai detto l'avrei scritta meglio e l'avrei sostenuta'". Berlusconi ci ha anche tenuto a ribadire che "io e la Fininvest non abbiamo bisogno di nessuna norma per salvarci" e comunque "questa norma è sacrosanta, equilibrata, ed è molto semplice spiegarla: mi sembra logico che ci sia una fidejussione che garantisca la possibilità di restituire i soldi ove si ribalti la sentenza di terzo grado. Si può anche rimandare il pagamanto al terzo grado", ma in ogni caso "è la norma più giusta e sacrosanta che si possa immaginare". Ma se questa è la versione del premier, a confutarla, almeno per quello che lo riguarda, è il ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli. "Ribadisco, ancora una volta - ha affermato in una nota - di non aver mai ne' letto ne' visto la cosiddetta norma sul Lodo Mondadori e di aver appreso della sua esistenza soltanto dai lanci delle agenzie di stampa, la settimana successiva al Consiglio dei ministri".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa