mercoledì 22 febbraio | 08:17
pubblicato il 07/lug/2011 17:24

Manovra/ Berlusconi:Salva-Fininvest non scritta io,tutti sapevano

"E' sacrosanta, si può reinserire in Parlamento"

Manovra/ Berlusconi:Salva-Fininvest non scritta io,tutti sapevano

Roma, 7 lug. (askanews) - Silvio Berlusconi dà la sua versione sul giallo del comma 23, ossia la norma salva-Fininvest, prima inserita in manovra e poi ritirata, e di cui nessuno si è voluto assumere la paternità. Per spiegare che quella norma era stata discussa in Consiglio dei ministri e dunque era nota a tutti, compresi Tremonti e la Lega, e che comunque resta "sacrosanta". Al punto che potrebbe essere ripresentata "durante il percorso in Parlamento" perchè a quel punto la sentenza sul maxi risarcimento per il Lodo Mondadori sarà già stata emessa e nessuno potrà più dire che si è trattato dell'ennesima legge "ad personam". Il presidente del Consiglio ha parlato durante la presentazione del libro di Domenico Scilipoti il "re dei peones" ed è sembrato volersi togliere qualche sassolino dalla scarpa. Il primo: la norma "non l'ho scritta io" ha premesso. Secondo sassolino: "E' stata discussa durante il Cdm" e "Tremonti - ha spiegato - non ha ritenuto di portarla al voto, essendo sicuro che tutti i componenti della coalizione fossero d'accordo". Terzo: "Calderoli - ha riferito il premier - mi ha detto 'perchè non me l'hai detto l'avrei scritta meglio e l'avrei sostenuta'". Berlusconi ci ha anche tenuto a ribadire che "io e la Fininvest non abbiamo bisogno di nessuna norma per salvarci" e comunque "questa norma è sacrosanta, equilibrata, ed è molto semplice spiegarla: mi sembra logico che ci sia una fidejussione che garantisca la possibilità di restituire i soldi ove si ribalti la sentenza di terzo grado. Si può anche rimandare il pagamanto al terzo grado", ma in ogni caso "è la norma più giusta e sacrosanta che si possa immaginare". Ma se questa è la versione del premier, a confutarla, almeno per quello che lo riguarda, è il ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli. "Ribadisco, ancora una volta - ha affermato in una nota - di non aver mai ne' letto ne' visto la cosiddetta norma sul Lodo Mondadori e di aver appreso della sua esistenza soltanto dai lanci delle agenzie di stampa, la settimana successiva al Consiglio dei ministri".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia