sabato 10 dicembre | 10:21
pubblicato il 16/ago/2011 07:33

Manovra/ Berlusconi: Modifiche? Sì ma a saldi invariati

Sì aumento Iva e a contributo solidarietà, no patrimoniale

Manovra/ Berlusconi: Modifiche? Sì ma a saldi invariati

Roma, 16 ago. (askanews) - Una passeggiata a Portorotondo con i nipotini, e anche Silvio Berlusconi entra nel dibattito che infervora la politica sui cambiamenti da apportare in sede parlamentare alla manovra da 45,5 milioni di euro varata venerdì per decreto. E ripete il mantra della maggioranza: sì alle modifiche, ma "I saldi della manovra devono essere assolutamente invariabili. Ma se durante il percorso parlamentare emergono delle nuove idee che siano migliorative dei provvedimenti adottati nulla osta a che siano accolti". Insomma i tagli si possono spostare, non eliminare. Il premier però ieri ha proposto alcune cose specifiche: sì all'aumento di un punto dell'Iva (attualmente non previsto). Sì al contributo di solidarietà già previsto per i redditi superiori ai 90mila euro (e molto contestato perchè colpisce in primo luogo i redditi da lavoro dipendente col rischio di 'saltare' gli evasori): anche se Berlusconi ammette che si potrà aiutare chi ha famiglia. Infine un netto no alla patrimoniale cioè a un'imposta non sui redditi ma sui patrimoni. "Un punto in più di Iva cambierebbe molto le cose perché sarebbero almeno cinque miliardi in più" ha detto Berlusconi, "però l'Iva determina una contrazione dei consumi". Non solo, aggiunge, "vi sarebbe una maggiore tendenza all'evasione". Quanto al contributo di solidarietà "secondo i nostri calcoli darà un gettito di molto meno di un miliardo di euro" ma è stato introdotto per giustizia, "perché non fossero le classi più disagiate, attraverso magari minori servizi da parte degli enti locali, a dover pagare maggiormente il costo della manovra". Possibile però ripensare il provvedimento in base al numero dei familiari, ma anche sulla percentuale e sulla durata del prelievo (fissato per ora a due anni). No, invece, alla patrimoniale, che "è un esproprio, ed è quasi sempre ingiusto e poi la patrimoniale non va a ridurre il deficit, ma va a ridurre il debito". Ciò non basta: "il risparmio sul deficit è soltanto quello dei minori interessi passivi che tu paghi su quei pochi miliardi con cui riesci a ridurre il debito pubblico". Poco informato dunque chi ne ha parlato, "però io ormai ho la pelle dura, e per farmi male devono proprio farmi i buchi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina