sabato 03 dicembre | 19:32
pubblicato il 20/nov/2013 11:25

Maltempo: Avvenire, sforare 'gabbia' patto stabilita'. Letta convinca Ue

Maltempo: Avvenire, sforare 'gabbia' patto stabilita'. Letta convinca Ue

(ASCA) - Roma, 20 nov - ''Spendere per la vita''. E' il titolo dell'editoriale a firma di Antonio Maria Mira con cui, all'indomani dell strage maltempo in Sardegna, il quotidiano cattolico 'Avvenire' lancia l'appello alla politica italiana, e in particolare al premier Enrico Letta, affinche' convinca l'Unione europea dell'urgenza italiana di sforare il Patto di stabilita', una ''gabbia'' per tanti fondi che potrebbero essere destinati a prevenire il rischio idrogeologico nazionale.

''Cambia il clima, cambiano le precipitazioni, non cambia purtroppo il modo di affrontare questi fenomeni. Manca preparazione, manca prevenzione'', premette Mira schierandosi in favore della Protezione civile ''ancora capace di indicare linee, strategie, anche di lanciare, come nel caso sardo, precisi bollettini''. Ma ''chi li ascolta?'' si chiede l'editorialista di fronte alle ''scelte impopolari'' - come sfollamenti di famiglie, chiusura di ponti e strade - che spesso gli amministratori locali mancano di adottare a scopo preventivo. I ''quasi 4000 morti in 50 anni'' delle tragedie idrogeologiche italiane sono ''figli di queste 'prudenze''', decreta il quotidiano dei vescovi italiani.

Da qui la necessita' di ''un vero cambio di passo culturale'' che porti a investire nella prevenzione, considerando che ''non sono troppi'' i 40 miliardi di euro stimati necessari per mettere in sicurezza il paese dai rischi idrogeologici, ''visto che nel frattempo ne abbiamo spesi 52 per riparare i danni. E i morti, ovviamente, non hanno prezzo...''.

A tal proposito Mira sottolinea come ''troppi fondi restano inutilizzati per inefficienze delle regioni e degli enti locali, ma soprattutto per la 'gabbia' del Patto di stabilita'. Si muore perche' non si puo' spendere a dovere''.

Pertanto l'invito di Avvenire a Enrico Letta e' che ''voli a Bruxelles per dire con chiarezza che l'Italia intende sforare quel Patto. Diciamolo chiaro ai partner Ue: siamo pronti a farci controllare carte e conti, progetti e bilanci, appalti e imprese, ma vogliamo e dobbiamo agire perche' quelle opere le vogliamo e le dobbiamo fare. Con la massima trasparenza - conclude l'editoriale del quotidiano cattolico - e con saggia fretta''.

stt/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Riforme
Referendum, Grillo: Paese spaccato, vincere o perdere è uguale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari