lunedì 27 febbraio | 08:24
pubblicato il 03/ott/2015 21:46

Maggioranza si riduce ma tiene su riforme. Lega: ora battaglia

Lunedì riprende seduta aula Senato. Calderoli: governo risponda

Maggioranza si riduce ma tiene su riforme. Lega: ora battaglia

Roma, 3 ott. (askanews) - La maggioranza porta a casa l'articolo 2 del ddl Boschi sulla composizione e l'elezione del nuovo Senato ma il suo perimetro si riduce. L'aula di Palazzo Madama approva, infatti, il secondo articolo del progetto di riforma costituzionale con 'solo' 160 consensi, un voto in meno rispetto alla maggioranza assoluta.

Sono mancati i voti di Corradino Mineo e di Walter Tocci, esponenti della minoranza Dem, di Felice Casson che, come aveva fatto sul primo articolo, si è astenuto e di quattro assenti "giustificati" del Pd. Stabile il sostegno dei verdiniani mentre per Ala non era presente, dopo la polemica di ieri con la senatrice cinquestelle Barbara Lezzi, il capogruppo Lucio Barani. Assenti anche sette senatori di Area popolare ma in serata il capogruppo Renato Schifani ha specificato che si è trattato di assenze "giustificate".

"Smentisco nella maniera più categorica l'assunto puramente fantasioso" che Ncd abbia voluto dare un segnale per il voto finale sulle riforme, ha detto Schifani, "perchè trattasi di assenze già annunciate o giustificate, di colleghi che si sono sempre distinti in questi giorni per la loro presenza e condivisione al progetto di riforma con i loro voti palesi".

Lunedì alle 15, intanto, riprendono i lavori nell'aula di Palazzo Madama con un calendario serrato e una data già stabilita dalla conferenza dei capigruppo per il voto finale: il 13 ottobre. Ma, dopo che il "canguro" ha permesso nei giorni scorsi di spazzare via la maggior parte degli emendamenti già al primo articolo, la Lega Nord promette battaglia. Il senatore Roberto Calderoli, vice presidente del Senato, è convinto che il bello debba ancora venire perchè "finora abbiamo scherzato ma la partita è appena cominciata". Calderoli attende dall'esecutivo "risposte" sulle funzioni del Senato, delle Regioni e sull'autonomia finanziaria degli enti territoriali. Se prima della seduta di lunedì il governo non batterà un colpo "inizierà la vera opposizione" con "l'innovativa regola del gambero", annuncia l'esponente del Carroccio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech