mercoledì 18 gennaio | 11:43
pubblicato il 19/set/2012 20:32

Mafia/Ok Consulta a ricorso Colle-pm Palermo,sentenza a novembre

Low profil dalle Istituzioni in conflitto:è primo passo scontato

Mafia/Ok Consulta a ricorso Colle-pm Palermo,sentenza a novembre

Roma, 19 set. (askanews) - La Corte costituzionale ha dichiarato ammissibile il conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato sollevato dal Quirinale contro la Procura di Palermo. La vicenda riguarda le intercettazioni delle conversazioni telefoniche del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con l'ex ministro dell'Interno ed ex vicepresidente del Csm Nicola Mancino, sottoposto a sorveglianza dai pm siciliani nell'ambito dell'indagine sulla trattativa Stato-mafia. La Consulta ha deciso anche di ridurre i tempi previsti per l'esame nel merito del ricorso sollevato dal capo dello Stato, che verrà affrontato la seconda settimana di novembre, vista la delicatezza della materia. Un giudizio, questo sull'ammissibilità, dato comunque per scontato visto che oggi la Corte era chiamata a verificare se Quirinale e Procura sono poteri dello Stato, dando il via libera poi all'esame nel merito. Tanto che dal Colle non commentano la notizia sottolineando così che non ha destato alcuna sorpresa. E ricordano piuttosto che non si è mai trattato di uno scontro con qualcuno ma un atto compiuto per il riconoscimento di un principio costituzionale. Non è sorpreso neanche il procuratore capo di Palermo, Francesco Messineo, che spiega: "La valutazione di ammissibilità è soltanto un momento di passaggio verso il giudizio vero e proprio. E' cioè un passaggio necessario, ma di carattere meramente formale e processuale". Giudici relatori di questo primo passaggio, Gaetano Silvestri e Giuseppe Frigo, entrambi di nomina parlamentare: il primo eletto su indicazione del centrosinistra, il secondo del centrodestra. Al centro del ricorso presentato da Napolitano, la mancata distruzione delle telefonate registrate intercettando le conversazioni dell'ex ministro Mancino: il comportamento dei pm di Palermo avrebbe leso le prerogative garantite al capo dello Stato dall'articolo 90 della Costituzione, è la tesi sostenuta dall'Avvocatura dello Stato. Mentre la Procura di Palermo si difende sostenendo che per procedere alla distruzione delle intercettazioni è necessaria, in base al codice di procedura penale, un'apposita udienza davanti al gip.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa