sabato 10 dicembre | 23:21
pubblicato il 18/set/2012 16:31

Mafia, Severino: Rinviata decisione parte civile, non è chiusura

"La costituzione ha i suoi tempi e meccanismi"

Mafia, Severino: Rinviata decisione parte civile, non è chiusura

Firenze, (askanews) - Il ministro della Giustizia torna sul tema caldo dell'inchiesta sulle presunte trattative tra Stato e mafia. Paola Severino, a margine dell'inaugurazione della Scuola superiore di magistratura a Firenze, ha commentato la mozione presentata dal leader dell'IdV, Antonio Di Pietro, che sottolineava la mancata costituzione di parte civile del Governo."La costituzione di parte civile ha i suoi riti, i suoi meccanismi e presupposti che devono essere rispettati, quindi, non una chiusura ma un rinvio, a quando secondo il codice di procedura penale i tempi e i modi saranno maturi per attuare questo importante atto da parte dell'avvocatura dello Stato".Il Guardasigilli poi ha ricordato i passi avanti fatti dal ddl anticorruzione: "Il segnale che arriva dal Senato è di movimento verso l'aula e credo che questi segnali vadano colti e apprezzati".

Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina