mercoledì 18 gennaio | 15:44
pubblicato il 01/set/2014 14:16

*Mafia, la Cei fa scudo a don Ciotti: "vicinanza,stima,impegno"

'la Chiesa di papa Francesco e' questa: no a mafie senza timori' (ASCA) - Citta' del Vaticano, 1 set 2014 - "La Chiesa italiana che in questi anni non ha mancato di far sentire la sua voce per educare alla legalita' conferma la sua vicinanza e la sua stima per don Luigi in un momento in cui viene fatto oggetto di gratuite intimidazioni e rinnova l'augurio che, sul suo esempio, si trasformino luoghi e situazioni di violenza e di morte in contesti e azioni di vita nuova e di speranza, In tal modo - scrive la Cei -la Chiesa continua a svolgere la sua missione". La Conferenza Episcopale Italiana targata Bergoglio-Bagnasco ha preso oggi apertamente posizione a fianco e a scudo di don Luigi Ciotti, minacciato da Toto' Riina, e del suo impegno quotidiano a combattere la mafia in Italia. "Come ha detto Papa Francesco lo scorso 21 marzo - e' scritto in una nota della Cei diffusa oggi la nostra 'e' una Chiesa che 'interferisce', denunciando senza remore l'incompatibilita' tra mafie e Vangelo. E che non dimentica che la denuncia seria, attenta, documentata e' annuncio di salvezza. Anche a costo della vita'. Come dimostrato dal beato don Puglisi e da don Diana.

Insieme a tanti vescovi e preti che per lo piu' nell'anonimato continuano a lavorare per una societa' piu' umana, secondo il Vangelo di Gesu' Cristo".

"Per fedelta' al Vangelo don Luigi Ciotti - hanno messo nero su bianco in vescovi italiani- ha promosso con il Gruppo Abele prima e poi con Libera un percorso di educazione al bene contro ogni forma di ingiustizia e di corruzione. La sua azione coraggiosa e intelligente si e' allargata ai tanti volti del degrado e del disagio sociale: dalla lotta alla criminalita' organizzata fino alla cura da varie forme di dipendenza (da gioco, da usura).

Grazie alla crescente partecipazione di tanti uomini e donne di buona volonta' l'illegalita' non e' stata solo una questione da esibire, ma un impegno da provare. I beni confiscati e il loro riutilizzo sociale sono da questo punto di vista un eloquente esercizio di legalita' per riscoprire il senso del bene comune".

Pol/Tor

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Milano Moda, l'uomo disinvolto e sicuro di Armani
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa