giovedì 08 dicembre | 11:54
pubblicato il 01/set/2014 12:00

Mafia, la Cei fa scudo a don Ciotti: "vicinanza,stima,impegno"

'la Chiesa di papa Francesco è questa: no a mafie senza timori'

Mafia, la Cei fa scudo a don Ciotti: "vicinanza,stima,impegno"

Città del Vaticano, 1 set. (askanews) - "La Chiesa italiana che in questi anni non ha mancato di far sentire la sua voce per educare alla legalità conferma la sua vicinanza e la sua stima per don Luigi in un momento in cui viene fatto oggetto di gratuite intimidazioni e rinnova l'augurio che, sul suo esempio, si trasformino luoghi e situazioni di violenza e di morte in contesti e azioni di vita nuova e di speranza, In tal modo - scrive la Cei -la Chiesa continua a svolgere la sua missione". La Conferenza Episcopale Italiana targata Bergoglio-Bagnasco ha preso oggi apertamente posizione a fianco e a scudo di don Luigi Ciotti, minacciato da Totò Riina, e del suo impegno quotidiano a combattere la mafia in Italia. "Come ha detto Papa Francesco lo scorso 21 marzo - è scritto in una nota della Cei diffusa oggi la nostra 'è una Chiesa che 'interferisce', denunciando senza remore l'incompatibilità tra mafie e Vangelo. E che non dimentica che la denuncia seria, attenta, documentata è annuncio di salvezza. Anche a costo della vita'. Come dimostrato dal beato don Puglisi e da don Diana. Insieme a tanti vescovi e preti che per lo più nell'anonimato continuano a lavorare per una società più umana, secondo il Vangelo di Gesù Cristo". "Per fedeltà al Vangelo don Luigi Ciotti - hanno messo nero su bianco in vescovi italiani- ha promosso con il Gruppo Abele prima e poi con Libera un percorso di educazione al bene contro ogni forma di ingiustizia e di corruzione. La sua azione coraggiosa e intelligente si è allargata ai tanti volti del degrado e del disagio sociale: dalla lotta alla criminalità organizzata fino alla cura da varie forme di dipendenza (da gioco, da usura). Grazie alla crescente partecipazione di tanti uomini e donne di buona volontà l'illegalità non è stata solo una questione da esibire, ma un impegno da provare. I beni confiscati e il loro riutilizzo sociale sono da questo punto di vista un eloquente esercizio di legalità per riscoprire il senso del bene comune".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Comitato del No: sarebbe bene Colle ci convocasse a consultazioni
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Governo
Renzi: ok nuovo governo ma appoggiato da tutti, non temiamo voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni