lunedì 20 febbraio | 10:08
pubblicato il 31/ago/2012 05:10

Mafia/ Ira Napolitano contro Panorama. Berlusconi: io non c'entro

Cav manda il 'mediatore' Letta; "capo Stato ora sa cos'è gogna"

Mafia/ Ira Napolitano contro Panorama. Berlusconi: io non c'entro

Roma, 31 ago. (askanews) - Uomo di rare dichiarazioni in pubblico, questa volta Gianni Letta ha parlato, e attraverso un comunicato. Per esprimere la sua "personale solidarietà" al capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che ieri ha dovuto difendersi dall'accusa, ipotizzata da 'Panorama', di essere in qualche modo 'ricattabile', o peggio ancora ricattato, per la vicenda delle sue conversazioni con Nicola Mancino sulla trattativa Stato-Mafia. La nota è giunta al termine di un colloquio avuto dall'ex sottosegretario al Quirinale e che, in realtà, era stato già richiesto nei giorni scorsi. Ma inevitabilmente la scena del colloquio è stata conquistata dall'articolo di 'Panorama' - un articolo che ha spinto il Colle a una nota, durissima, di replica. E non poteva che essere Letta, l'ambasciatore delle faccende più delicate, a recapitare al Colle il messaggio di Silvio Berlusconi: a riferire, cioè, che lui con quell'articolo del settimanale 'di famiglia' non c'entra nulla. Di fatto dall'ex premier non è arrivata nessuna nota a sostegno del Colle. Fonti Pdl spiegano che il Cavaliere avrebbe dato sì il via libera alle dichiarazioni di solidarietà (con alcune eccezioni, come Bondi) degli esponenti del partito, ma a patto che non fossero troppo 'genuflesse'. A patto, ovvero, che in tutte si ricordasse che analoga solidarietà non era stata offerta in passato quando a finire sotto la mannaia delle intercettazioni era stato lui. Peraltro, la giustizia e i processi (in corso o futuribili) erano e sono in cima alle preoccupazioni del Cavaliere che a questo punto, viene spiegato, spera di trovare nel Quirinale orecchie più attente. Infatti praticamente tutto il Pdl ha reagito alla presa di posizione del Colle sottolineando che, alla doverosa solidarietà verso il capo dello Stato, andrebbe associata anche una revisione, in tempi rapidi, della legge sulle intercettazioni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia