martedì 06 dicembre | 06:48
pubblicato il 22/mag/2014 14:25

Mafia: Gratteri, da 30 anni al Nord e dove si fanno grandi opere

Mafia: Gratteri, da 30 anni al Nord e dove si fanno grandi opere

(ASCA) - Roma, 22 mag 2014 - Nonostante la cecita' delle istituzioni le mafie sono uscite dai confini del sud Italia ''da 30 anni'', approdando dove si realizzano progetti ''prestigiosi'', quali l'Expo di Milano, senza che cio' debba comportare la rinuncia a realizzarli poiche' cio' significherebbe ''il fallimento dell'idea stessa di Stato''.

Questo il ragionamento che il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, ha espresso ai microfoni della trasmissione 'Prima di tutto', su Radio 1, in merito alle inchieste della magistratura sulle infiltrazioni mafiose negli appalti per le grandi opere, e in particolare per Expo 2015. ''Sono 25 anni che urlo che il problema non e' la Calabria, la Puglia, la Campania, la Sicilia: le mafie stanno dominando l'Italia e l'Europa. Anzi, stanno colonizzando l'Europa. Non c'e' niente di nuovo. Sono 40 anni che n'drangheta e' presente in Piemonte, da 30 in Lombardia'', ha premesso Gratteri. ''Eppure - ha proseguito - quattro anni fa, il prefetto di Milano ha detto: 'dov'e' la n'dragheta, fatemela vedere'. Il sindaco di Milano ha detto, sempre quattro anni fa: 'qui non c'e' la n'drangheta'. E dopo 20 giorni abbiamo arrestato 300 persone. Per anni - ha sottolineato il magistrato - gli uomini delle istituzioni hanno negato l'esistenza del problema; almeno adesso hanno il pudore di stare zitti. Il problema dunque e' questo: gli uomini delle istituzioni non ammettono l'evidenza, non dicono 'il Re e' nudo'''.

''Prima che si iniziassero i lavori per Expo, prima che si iniziasse la Torino-Lione - ha continuato Gratteri - io ho detto: le mafie sono li' dove c'e' da gestire denaro e potere. Non e' possibile che in operazioni cosi' grosse, 'prestigiose', dove ci sono soldi e potere, non si annidino le mafie. Non e' solo un fatto economico, e' una dimostrazione di forza da parte delle organizzazioni criminali essere presenti nelle grandi opere che dovrebbero essere, usiamo il condizionale, la vetrina dell'Italia nel mondo'', ha sottolineato il magistrato. com-stt/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari