venerdì 02 dicembre | 19:15
pubblicato il 04/giu/2014 15:54

Mafia: Grasso, su omicidio Mattarella ancora oggi non mi sono arreso

Mafia: Grasso, su omicidio Mattarella ancora oggi non mi sono arreso

(ASCA) - Roma, 4 giu 2014 - ''Anche diversi decenni dopo le indagini non mi sono arreso e da Procuratore Nazionale Antimafia ho messo in atto ogni utile strumento a mia disposizione per cercare la verita'' su quel delitto e su molti altri che hanno segnato per sempre la vita della mia terra, e del Paese. E ancora oggi, credetemi, anche se chiamato a diverse responsabilita' istituzionali, pongo a solido fondamento del mio impegno di uomo dello Stato la ricerca della giustizia e della verita' e il rispetto profondo per chi come Piersanti Mattarella ha dato la vita per le nostra liberta'''. Sono le parole del presidente del Senato, Pietro Grasso in occasione della presentazione del libro di Giovanni Grasso ''Piersanti Mattarella. Da solo contro la mafia'' oggi a Palazzo Giustiniani.

''La figura che da questa biografia emerge nettamente e' stata da me sempre vista come modello dell'uomo politico e delle qualita' che deve possedere: competenza, passione, senso di responsabilita', lungimiranza strategica e slancio etico - ha voluto rimarcare Grasso -. Piersanti Mattarella riusci' nella sua azione politica a riassumere queste virtu', consapevole degli effetti che la sua azione avrebbe potuto produrre in una terra difficile come la Sicilia''.

''Ma sara' sempre necessario che per amore della propria terra in Sicilia si debba mettere a rischio anche la vita? - si e' poi chiesto Grasso -. La risposta che diede Mattarella, e prima e dopo di lui molti altri, fu un semplice e tragico ''si'''. Il ''si''' che segna la tragedia di chiunque ami fino in fondo questa Sicilia, sognandola, come la sognava Piersanti Mattarella, libera e felice, fiera di vivere senza mafia, senza violenze e sopraffazioni''. ''Mattarella si chiedeva perche', sono le sue parole, 'la Sicilia e' immodificabile, perche' questa realta' e' talmente forte da non essere cambiata? Perche' non debbono cominciare tutti a credere che questa realta' non e' invincibile?' - ha proseguito nel suo ricordo Grasso -. In un'intervista tragicamente pubblicata proprio nel giorno della sua morte, sostenne che bisognava 'intervenire per eliminare quanto a livello pubblico, attraverso intermediazioni e parassitismi, ha fatto e fa proliferare la mafia' e che fosse 'pure necessario risvegliare doveri individuali e comportamenti dei singoli che finiscono con il consentire il formarsi di un'area dove il fenomeno ha potuto storicamente, allignare e prosperare'. Un'analisi che all'epoca poteva considerarsi visionaria, ma che ancora oggi rimane attualissima. Un testamento politico drammaticamente moderno, che chiamava ad un rilancio della politica''.

njb Io ho sempre considerato l'omicidio di Piersanti Mattarella di tipo preventivo e conservativo, inteso quindi non tanto a vendicare la sua retta azione di amministratore e statista ma a mantenere lo status quo, impedendo il rinnovamento politico del compromesso storico e la neutralizzazione della penetrazione mafiosa nella Regione. E' lecito supporre che per tale omicidio si sia verificata una deliberata convergenza di interessi, rientranti tra le finalita' terroristico-intimidatrici dell'organizzazione, e interessi connessi alla gestione della 'cosa pubblica'. Tale ultima ipotesi, se esatta, presuppone un intricato intreccio di segreti collegamenti tra i detentori delle rispettive leve del potere politico e mafioso.

Una coincidenza di interessi che non siamo mai riusciti a chiarire e che tuttora mi toglie il sonno insieme ad altre intuizioni laceranti su tante stragi di mafia irrisolte.

Anche diversi decenni dopo le indagini non mi sono arreso e da Procuratore Nazionale Antimafia ho messo in atto ogni utile strumento a mia disposizione per cercare la verita' su quel delitto e su molti altri che hanno segnato per sempre la vita della mia terra, e del Paese. E ancora oggi, credetemi, anche se chiamato a diverse responsabilita' istituzionali, pongo a solido fondamento del mio impegno di uomo dello Stato la ricerca della giustizia e della verita' e il rispetto profondo per chi come Piersanti Mattarella ha dato la vita per le nostra liberta'.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Centrodestra
Berlusconi in tv propone leadership a Del Debbio: "ci rifletta"
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari