domenica 04 dicembre | 14:02
pubblicato il 07/gen/2013 18:37

Mafia: Grasso ricorda Beppe Alfano, esempio giornalismo coraggioso

Mafia: Grasso ricorda Beppe Alfano, esempio giornalismo coraggioso

(ASCA) - Roma, 7 gen - ''La memoria di Beppe Alfano deve essere difesa per onorare il suo sacrificio e per denunciare che ancora oggi chi scrive di mafia e' minacciato e intimidito.'' Lo dice Piero Grasso, candidato del Partito Democratico, ricordando il ventennale della morte del giornalista Beppe Alfano, ucciso l'8 gennaio del 1993 a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.

''Alfano - prosegue- , insieme ad altri suoi colleghi che purtroppo hanno avuto la sua stessa sorte, e' un esempio di giornalismo che non teme il potere criminale, la sua figura e' un esempio alto di impegno civile. Come dimostra l'attivita' instancabile dell'osservatorio sui giornalisti minacciati di mafia, 'Ossigeno per l'informazione', l'esercizio della liberta' di cronaca e il diritto all'informazione continuano ad essere bersaglio delle minacce criminali e questo non puo' non destare la nostra preoccupazione''. com/map

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari