martedì 21 febbraio | 11:39
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Mafia/ Consulta sconfessa Procura su telefonate Napolitano

Messineo: "Prendiamo atto". Il Colle: Capo dello Stato 'sereno'

Roma, 5 dic. (askanews) - Il Quirinale travolge la Procura di Palermo. La Corte costituzionale ha accolto in toto le tesi del Colle, rappresentate dall'Avvocatura dello Stato nel conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato sulle telefonate fra Giorgio Napolitano e l'ex ministro Nicola Mancino, indagato nel procedimento sulla trattativa Stato-mafia. Le motivazioni della decisione saranno pubblicate a gennaio, prima del cambio della guardia alla presidenza della Consulta: il mandato di Alfonso Quaranta scade il 27 gennaio 2013. Per la Consulta "non spettava" alla Procura "valutare la rilevanza della documentazione relativa alle intercettazioni delle conversazioni telefoniche del Presidente della Repubblica" e "neppure spettava di omettere di chiederne al giudice l'immediata distruzione" con modalità "idonee ad assicurare la segretezza del loro contenuto, esclusa comunque la sottoposizione della stessa al contraddittorio delle parti". Verbali e file delle intercettazioni saranno quindi distrutti dal Gip senza passare dall'udienza con le parti ed è quindi probabil che restino segrete a lungo. Le prime reazioni degli interessati sono improntate alla prudenza: "Le decisioni della Consulta - ha commentato il procuratore capo di Palermo Francesco Messineo - non si commentano. Ne prendiamo atto". Il Quirinale, dal canto suo, ha fatto sapere che Napolitano ha atteso "serenamente" e "accolto con rispetto" la sentenza e ora attende di conoscere le motivazioni. L'Avvocato generale dello Stato Michele Giuseppe Dipace, prendendo la parola nell'udienza pubblica, ha accusato i pm palermitani di aver trattato le telefonate Mancino-Napolitano "come normali intercettazioni" mentre esse "sono diventate illegittime" nel momento in cui è stato intercettato un soggetto che non poteva essere intercettato per "salvaguardare i supremi interessi della nazione" cui "la funzione è preposta". Il costituzionalista Alessandro Pace, in rappresentanza della Procura, aveva suggerito il ricorso all'apposizione del segreto di Stato sulle telefonate, per aggirare il nodo della "immunità", del "surplus di garanzie" che, a suo dire andando ben oltre il dettato costituzionale, l'Avvocatura ha chiesto per il capo dello Stato. Ma la sua tesi è stata rigettata.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia