giovedì 08 dicembre | 01:05
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Mafia/ Consulta sconfessa Procura su telefonate Napolitano

Messineo: "Prendiamo atto". Il Colle: Capo dello Stato 'sereno'

Roma, 5 dic. (askanews) - Il Quirinale travolge la Procura di Palermo. La Corte costituzionale ha accolto in toto le tesi del Colle, rappresentate dall'Avvocatura dello Stato nel conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato sulle telefonate fra Giorgio Napolitano e l'ex ministro Nicola Mancino, indagato nel procedimento sulla trattativa Stato-mafia. Le motivazioni della decisione saranno pubblicate a gennaio, prima del cambio della guardia alla presidenza della Consulta: il mandato di Alfonso Quaranta scade il 27 gennaio 2013. Per la Consulta "non spettava" alla Procura "valutare la rilevanza della documentazione relativa alle intercettazioni delle conversazioni telefoniche del Presidente della Repubblica" e "neppure spettava di omettere di chiederne al giudice l'immediata distruzione" con modalità "idonee ad assicurare la segretezza del loro contenuto, esclusa comunque la sottoposizione della stessa al contraddittorio delle parti". Verbali e file delle intercettazioni saranno quindi distrutti dal Gip senza passare dall'udienza con le parti ed è quindi probabil che restino segrete a lungo. Le prime reazioni degli interessati sono improntate alla prudenza: "Le decisioni della Consulta - ha commentato il procuratore capo di Palermo Francesco Messineo - non si commentano. Ne prendiamo atto". Il Quirinale, dal canto suo, ha fatto sapere che Napolitano ha atteso "serenamente" e "accolto con rispetto" la sentenza e ora attende di conoscere le motivazioni. L'Avvocato generale dello Stato Michele Giuseppe Dipace, prendendo la parola nell'udienza pubblica, ha accusato i pm palermitani di aver trattato le telefonate Mancino-Napolitano "come normali intercettazioni" mentre esse "sono diventate illegittime" nel momento in cui è stato intercettato un soggetto che non poteva essere intercettato per "salvaguardare i supremi interessi della nazione" cui "la funzione è preposta". Il costituzionalista Alessandro Pace, in rappresentanza della Procura, aveva suggerito il ricorso all'apposizione del segreto di Stato sulle telefonate, per aggirare il nodo della "immunità", del "surplus di garanzie" che, a suo dire andando ben oltre il dettato costituzionale, l'Avvocatura ha chiesto per il capo dello Stato. Ma la sua tesi è stata rigettata.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni