venerdì 20 gennaio | 17:05
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Mafia/ Consulta sconfessa Procura su telefonate Napolitano

Messineo: "Prendiamo atto". Il Colle: Capo dello Stato 'sereno'

Roma, 5 dic. (askanews) - Il Quirinale travolge la Procura di Palermo. La Corte costituzionale ha accolto in toto le tesi del Colle, rappresentate dall'Avvocatura dello Stato nel conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato sulle telefonate fra Giorgio Napolitano e l'ex ministro Nicola Mancino, indagato nel procedimento sulla trattativa Stato-mafia. Le motivazioni della decisione saranno pubblicate a gennaio, prima del cambio della guardia alla presidenza della Consulta: il mandato di Alfonso Quaranta scade il 27 gennaio 2013. Per la Consulta "non spettava" alla Procura "valutare la rilevanza della documentazione relativa alle intercettazioni delle conversazioni telefoniche del Presidente della Repubblica" e "neppure spettava di omettere di chiederne al giudice l'immediata distruzione" con modalità "idonee ad assicurare la segretezza del loro contenuto, esclusa comunque la sottoposizione della stessa al contraddittorio delle parti". Verbali e file delle intercettazioni saranno quindi distrutti dal Gip senza passare dall'udienza con le parti ed è quindi probabil che restino segrete a lungo. Le prime reazioni degli interessati sono improntate alla prudenza: "Le decisioni della Consulta - ha commentato il procuratore capo di Palermo Francesco Messineo - non si commentano. Ne prendiamo atto". Il Quirinale, dal canto suo, ha fatto sapere che Napolitano ha atteso "serenamente" e "accolto con rispetto" la sentenza e ora attende di conoscere le motivazioni. L'Avvocato generale dello Stato Michele Giuseppe Dipace, prendendo la parola nell'udienza pubblica, ha accusato i pm palermitani di aver trattato le telefonate Mancino-Napolitano "come normali intercettazioni" mentre esse "sono diventate illegittime" nel momento in cui è stato intercettato un soggetto che non poteva essere intercettato per "salvaguardare i supremi interessi della nazione" cui "la funzione è preposta". Il costituzionalista Alessandro Pace, in rappresentanza della Procura, aveva suggerito il ricorso all'apposizione del segreto di Stato sulle telefonate, per aggirare il nodo della "immunità", del "surplus di garanzie" che, a suo dire andando ben oltre il dettato costituzionale, l'Avvocatura ha chiesto per il capo dello Stato. Ma la sua tesi è stata rigettata.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"