mercoledì 22 febbraio | 10:00
pubblicato il 04/giu/2015 18:52

Mafia capitale, Pd: Marino-Zingaretti baluardo contro il crimine

Il presidente Orfini ribatte alle accuse dopo nuovi arresti

Mafia capitale, Pd: Marino-Zingaretti baluardo contro il crimine

Roma, 4 giu. (askanews) - "È evidente che Marino e Zingaretti sono un baluardo contro la criminalità e il malaffare, grazie alle loro denunce emergono i fatti". Il presidente del Pd, Matteo Orfini, ha difeso il sindaco di Roma e il presidente della Regione da chi chiede le loro teste dopo la nuova tranche dell'inchiesta Mafia Capitale che ha portato all'arresto, tra gli altri, l'ex presidente dem del Consiglio comunale capitolino Mirko Coratti.

"Non ci sono le condizioni per chiedere le dimissioni a Marino, che deve andare avanti: questa è la vera risposta alla criminalità", ha detto Orfini in conferenza stampa al Nazareno, dopo aver incontrato proprio Marino e Zingaretti. "Emergerà che molte di queste inchieste sono frutto delle denunce fatte dal sindaco - ha aggiunto Orfini - perciò dobbiamo ringraziarlo perché lui è il nemico di Buzzi e Carminati".

Orfini ha voluto "ringraziare la Procura di Roma e Pignatone e il suo pool che stanno pulendo la città" e ha voluto ricordare che "la Procura ha sempre avuto il Pd e l'amministrazione capitolina e regionale al suo fianco". Il presidente del Pd ha inteso così sgombrare il campo da "letture strampalate" sulla vicenda e ribadire che "il ripristino della legalità è al centro della nostra agenda ancora prima che si aprisse l'inchiesta. La Giunta Marino nel 2013 chiese al ministro dell'Economia Saccomanni l'intervento degli ispettori del ministero per verificare gli atti amministrativi del suo predecessore perché appariva subito chiaro il modo discutibile in cui era stata amministrata la città e si rivolse anche alla Procura di Roma per consegnare carte su cui aveva perplessità e dubbi".

"In passato la guerra tra bande nel Pd romano ha portato a imbarcare chiunque, ma con le nuove regole e la trasparenza questo non accadrà più", ha assicurato ancora Orfini, che è anche commissario del partito romano. "Se non avessimo avuto problemi non avremmo commissariato il Pd di Roma. Se Coratti è colpevole è giusto che paghi, è già stato sospeso dal Pd e comunque non era esattamente un sostenitore della Giunta Marino". Secondo il presidente del Pd, il partito della Capitale "con Marino e Zingaretti sta costruendo una battaglia difficilissima per la legalità e il Pd è stato commissariato per non essersi accorto di quanto stava accadendo, perché era ostaggio di una battaglia interna. Ma oggi il Pd è diverso, dopo sei mesi di lavoro di commissariamento l'abbiamo ricostruito e a giorni ripartirà il tesseramento con la massima trasparenza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%