martedì 24 gennaio | 11:04
pubblicato il 08/set/2012 16:18

M5S/Una trentina a Milano per 5 anni V-Day,Grillo finora non c'è

Due gazebo e volantini in piazza contro silenzio su pdl anticasta

M5S/Una trentina a Milano per 5 anni V-Day,Grillo finora non c'è

Milano, 8 set. (askanews) - Un presidio con volantinaggio, organizzato dal Movimento 5 Stelle a Milano in piazza XXV Aprile a Milano dal V-Day, per denunciare "il silenzio sulla Legge di iniziativa popolare sottoscritta da 350mila italiani che Grillo consegnò il 14 dicembre 2007 e che da allora è ferma in Commissione affari costituzionali del Senato". Nella piazza storica dei grillini, davanti al Teatro Smeraldo dove il 4 ottobre 2009 nacque il Movimento e l'8 Settembre 2007 ebbe luogo il primo V-Day per iniziare la raccolta di firme contro la 'pdl anticasta', dalle 10 di questa mattina (e fino alle 18) una ventina di militanti organizzati sotto due gazebo, distribuiscono un volantino in cui si ricorda la richiesta di non candidare in Parlamento i cittadini condannati in via definitiva, l'introduzione del limite di due mandati e il ripristino per l'elettore di esprimere la preferenza diretta per i candidati. L'iniziativa è programmata fino alle 18 di questa sera. E ieri era circolata la voce di un possibile arrivo in mattinata al presidio di Beppe Grillo. Che fino ad ora però non ha trovato riscontro. Rispetto alle polemiche innescate dal fuori onda in cui il consigliere regionale cinquestelle Giovanni Favia denunciava la mancanza di democrazia e il ruolo occulto del "guru" Gianroberto Casaleggio nel Movimento, i militanti milanesi negano qualsiasi spaccatura interna e, parlando controvoglia, spiegano che "ognuno ha la sua testa" ma soprattutto puntano il dito contro "la casta" e i giornalisti che per conto dei loro editori mettono in atto "agguati" per delegittimare l'impegno fattivo e diffuso per riportare la democrazia in un Paese dove è scomparsa da tempo. Mentre sotto il "casello" un televisore trasmette i comizi di Beppe Grillo e un amplificatore diffonde musica, i militanti (tra cui il giovane consigliere comunale milanese Mattia Scalise) diffondono ai passanti il loro programma e le loro parole d'ordine, disposti a fianco delle foto con le schede biografiche dei 19 parlamentari condannati in via definitiva, di quelli attualmente imputati e di quelli con reati prescritti. Ai gazebo, tra le bandiere "No Tav", i volantini contro l'amianto e i poster contro il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni con lo slogan "Se non si dimette, licenziamolo noi", c'è anche l'ingradimento di una vignetta che ritrae un giornalista che mentre rincorre con un retino una mosca-Grillo, viene a sua volta inseguito da uno sciame di mosche-grillini "armate" di un gigantesco retino.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4