lunedì 20 febbraio | 10:12
pubblicato il 19/mar/2013 12:00

M5s/Il senatore Mastrangeli:Previo ok da rete voterei la fiducia

Grillo libero esprimere sue opinioni ma decidono nostri elettori

M5s/Il senatore Mastrangeli:Previo ok da rete voterei la fiducia

Roma, 19 mar. (askanews) - "Se in un momento così difficile per il Paese la maggioranza degli iscritti si dichiarasse favorevole a votare la fiducia a un governo, mi adeguerei a questa volontà". O meglio, "voterei la fiducia a un governo se dalla base elletorale dovesse emergere un cambiamento rispetto allla norma del codice di comportamento degli eletti che dice no ad alleanze con altri partiti " e in forza della quale "molti cittadini ci hanno scelto". Lo ha affermato il senatore M5S Marino Mastrangeli, in un'intervista ad Avvenire, rispetto a un nuovo Governo il cui programma accolga le proposte grilline. Il giudizio degli elettori "è sovrano" e conta più delle regole interne al movimento, ha spiegato. "Beppe ha affermato- è libero di esprimere le sue opinioni come qualunque cittadino. Poi però comandano gli elettori. Mica siamo nell'Unione Sovietica".Mastrangeli, uno dei senatori ad aver votato Grasso ha raccontato nuovi particolari su quella giornata. "Sulla contrarietà alla rielezione di Schifani c'è stata l'unanimità di tutti i 54 senatori. Poi, nella riunione prima della quarta votazione, sono emerse posizioni diverse. Il risultato è stato: 21 sì a un voto secondo libertà di coscienza, 28 contrari e 5 astenuti. Io ho votato Pietro Grasso. Perché, da ex poliziotto che ha effettuato blitz alle 3 di notte per arrestare esponenti della 'ndrangheta, ho sentito il dovere morale di fare una scelta del genere. Dobbiamo uscire dalla logica della rivalità tra tifoserie e valutare le persone senza dare sfiducie preventive. Il nuovo presidente del Senato non è un esponente del Pd, ma un uomo che per trent'anni ha contrastato la criminalità organizzata". Quanto alla minacciata espulsione dal MoVimento, "a Grillo - ha affermato Mastrangeli.- dico una cosa: mi sono attenuto al comunicato politico numero 45 pubblicato sul suo blog l'11 agosto 2011, in cui venne stabilito che ogni futuro parlamentare si sarebbe impegnato a rispondere - cito testualmente - 'al programma del M5S e alla propria coscienza'. Dato che l'elezione del presidente del Senato non rientra nei 20 punti del programma, ho seguito la mia coscienza". Infine la candidatura Cinque stelle per il Quirinale. "Verrà proposta - ha riferito- una rosa di nomi agli iscritti, che tramite la rete sceglieranno il loro candidato. E noi in Parlamento ci uniformeremo alla decisione presa dalla maggioranza. Poi, con il nuovo portale, tale criterio verrà adottato per ogni provvedimento e così si realizzerà fino in fondo la democrazia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia