mercoledì 18 gennaio | 15:31
pubblicato il 06/feb/2016 19:15

M5s: voto libero su unioni civili. Pd: su adozioni decide aula

I Dem: "No a stralcio". Alfano esulta: 'Può saltare intera legge'

M5s: voto libero su unioni civili. Pd: su adozioni decide aula

Roma, 6 feb. (askanews) - Il MoVimento 5 Stelle lascerà ai propri parlamentari libertà di coscienza sulle unioni civili: una decisione che spariglia le carte sul ddl Cirinnà, e ringalluzzisce il fronte di chi chiede lo stralcio delle stepchild adoption. Ma il Pd per ora non cambia linea: il testo Cirinnà viene considerato un buon punto di mediazione, comprese le adozioni, e dunque l'ipotesi stralcio non viene presa in considerazione. A decidere, come viene ripetuto da settimane, sarà l'aula del Senato. Esulta però Angelino Alfano, che vede saltare l'asse tra Pd e M5s che poteva garantire l'ok alla legge anche senza i voti di Ncd e del fronte cattolico: "L'intera legge potrebbe saltare" senza i voti dei grillini. A meno che, è il sottotesto, non si disponga lo stralcio delle adozioni recuperando tutti i voti cattolici.

Una prospettiva che però il Pd non contempla: un po perchè "ora sarebbe un segnale di debolezza", ma soprattutto perchè "la stragrande maggioranza del partito e dei gruppi parlamentari, Renzi in testa, è favorevole alla stepchild", dicono dal Nazareno. Oggi intanto parlano solo i big: il capogruppo in Senato Luigi Zanda e la vice segretaria Dem Deborah Serracchiani. Entrambi difendono il testo e la possibilità delle adozioni, entrambi spiegano che starà all'aula decidere. Parla anche il senatore Andrea Marcucci, 'voce' di Renzi a palazzo Madama, e aggiunge: "L'importante è che i partiti si assumano la loro responsabilità per il voto finale di una legge storica per i diritti civili". Ovvero, con o senza stepchild, la legge va approvata.

Del resto, dai vertici del Pd negano ci sia mai stato un vero e proprio asse con i Cinque Stelle: "Abbiamo sempre detto che con i voti segreti sarebbe già stato abbastanza se i favorevoli e i contrari M5s fossero stati in pareggio...". Perchè "nel MoVimento c'è una larga e diffusa sensibilità di destra, basti guardare Di Maio o Di Battista", o "il numero basso dei parlamentari che dopo il 'libera tutti' hanno detto che voteranno comunque sì". Insomma, "non ci siamo mai fidati fino in fondo".

Ora la strada è però obbligata: il Pd non "sponsorizzerà" lo stralcio delle adozioni, al massimo proverà a far votare l'emendamento che rimanda alla delega al governo il tema delle adozioni, prima che sia votato quello sullo stralcio tout court, per non procludere quella strada. E poi si conteranno i voti di palazzo Madama: sapendo che eliminare il tema delle adozioni eviterebbero parecchi problemi politici con l'area centrista, sperando che in quel caso la sinistra Pd scelga comunque di votare la legge, e sapendo che in ogni caso i Dem potranno rivendicare di aver approvato finalmente una legge che riconosce diritti attesi da anni. Sempre che, e qui si torna a Marcucci, tutti i partiti "si assumano la loro responsabilità per il voto finale di una legge storica. Non ci sarà escamotage possibile per rinviare ancora una volta le unioni civili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa