lunedì 05 dicembre | 05:32
pubblicato il 13/mar/2013 19:11

M5S: polemiche su plauso Thorne. Ambasciata Usa, non appoggiamo nessuno

M5S: polemiche su plauso Thorne. Ambasciata Usa, non appoggiamo nessuno

(ASCA) - Roma, 13 mar - ''L'Ambasciata non appoggia nessun soggetto politico. Dialoga con tutti e sostiene l'uso dei social media come strumento di cambiamento''. Con questo breve messaggio postato su Twitter nel tardo pomeriggio, l'ambasciata americana in Italia ha cercato di frenare le polemiche scoppiate intorno alle parole dell'ambasciatore americano David Thorne che stamattina, davanti agli studenti del liceo Visconti di Roma, aveva espresso il proprio 'apprezzamento' per il Movimento 5 Stelle, invitando i giovani studenti a seguirne l'esempio, specialmente sullo sviluppo dei new media. Una presa di posizione che, a stretto giro, e' stata letta come un'ingerenza da quasi tutte le forze politiche escluso, ovviamente, il Movimento 5 Stelle, che anzi ha prontamente riportato sul blog di Beppe Grillo la 'benedizione' dell'ambasciatore americano: ''Voi giovani siete il futuro dell'Italia. Voi potete prendere in mano il vostro Paese e agire, come il MoVimento 5 Stelle, per le riforme e il cambiamento''. Forse ignaro delle polemiche suscitate, nel pomeriggio era stato lo stesso Thorne a commentare l'incontro con gli studenti in un messaggio pubblicato sempre su Twitter: ''Le mie parole hanno suscitato interesse. L'uso dei new media e' positivo per il sistema politico italiano''. Ingerenza o semplice dichiarazione, fatto sta che vari esponenti del Partito Democratico hanno chiesto a gran voce l'intervento del ministro degli Esteri, Giulio Terzi, sollecitato in particolare da Michele Anzaldi: ''Mi auguro - ha attaccato l'esponente Pd - che il ministro chieda al Dipartimento di Stato una correzione e una smentita rispetto a queste dichiarazioni''. Linea condivisa da altri Democratici, fra cui la neo senatrice Maria di Giorgi: ''Si tratta di dichiarazioni fuori luogo che se confermate si configurerebbero come una vero e proprio incidente diplomatico su cui e' necessario un immediato intervento''. Per mettere fine alle polemiche, nel pomeriggio l'Ambasciata Usa ha scelto proprio quei social media pietra dello scandalo 'postando' su Twitter un breve messaggio. Un tentativo che sembra non essere andato a buon fine, stando al tenore di numerosi commenti lasciati da cittadini italiani sul profilo Twitter della sede diplomatica statunitense. Uno dei piu' sobri recita: ''Tipico dell'americano: superficiale''. red/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari