domenica 26 febbraio | 05:30
pubblicato il 01/apr/2015 21:43

M5s lancia l'hastag "denunciateci tutti": per noi è medaglia

Blog Grillo pubblica nomi senatori autori denuncia a Procura Roma

M5s lancia l'hastag "denunciateci tutti": per noi è  medaglia

Roma, 1 apr. (askanews) - "La loro denuncia è una medaglia che ci appuntiamo sul petto e che dedichiamo a chi non ha voce per farsi sentire. Se i partiti pensano di intimidirci e farci smettere, si sbagliano di grosso. Ora #denunciatecitutti". Lo ha scritto sul blog di Beppe Grillo il gruppo M5S Senato, pubblicando i nomi dei senatori andati in Procura a Roma a denunciarli per la bagarre in aula contro l'approvazione dello sblocca Italia.

"In un Parlamento pieno di corrotti e di indagati - scrivono i senatori M5s- tutti i partiti politici si mettono insieme per andare in Procura e denunciare l'unica vera forza di opposizione, l'unico movimento onesto di cui davvero hanno paura, perchè sanno che non è e non sarà mai come loro. Ecco i nomi di chi ci ha denunciato: Gabriele Albertini (Ap), Lucio Barani (Gal), Enrico Buemi (Psi), Stefano Candiani (Lega), Franco Conte (Ap), Nadia Ginetti (Pd), Carlo Giovanardi (Ncd), Fausto Longo (Autonomie), Stefania Pezzopane (Pd)".

"Quale sarebbe - chiedono- il reato grave per cui il Movimento 5 Stelle viene denunciato? Aver fatto ostruzionismo il 5 novembre scorso, durante l'approvazione dello Sblocca Italia (o per meglio dire 'Sfascia Italia'), aver provato a opporsi a questo scellerato decreto con cui il governo dava il via libera alla trivellazione delle nostre coste e autorizzava il dicastero dell'ex ministro Maurizio Lupi (quello che dopo le pressioni del M5S si è dovuto dimettere a seguito dell'inchiesta che ha portato a galla il magna magna intorno alle infrastrutture italiane) a stanziare quasi 4 miliardi di euro per proseguire la realizzazione delle grandi opere. Per loro questo è un reato, un "attentato agli organi costituzionali. Per noi è portare avanti fino alla fine la nostra missione di portavoci, difendere senza se e senza ma i diritti dei cittadini e dei nostri territori".

"L'Italia - denuncia il post sul blog di Grillo- è un Paese capovolto: se rubi, finisci per entrare in politica e se sei onesto, troppo onesto, vieni denunciato. L'Italia è un Paese paradossale: a beccarsi la denunce è chi ha mani e coscienza pulite. L'Italia è un Paese che fa paura: se la tua voce esce fuori dal coro, se scegli di non unirti al gregge, sai già che dovrai pagare un prezzo altissimo. Oggi questo prezzo lo paga il Movimento 5 Stelle, 'colpevole' di aver svolto con coerenza il compito per cui 9 milioni di cittadini hanno voluto che entrasse in Parlamento: fare opposizione senza sconti, rendere la vita difficile a un governo arrogante che, con la complicità dei partiti di maggioranza, in queste aule parlamentari violenta quotidianamente la nostra Costituzione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech