sabato 10 dicembre | 06:29
pubblicato il 23/set/2016 19:26

M5s, Grillo sarà garante a Palermo ma nodi ancora da sciogliere

Da domani "Italia 5 Stelle", Raggi e Appendino insieme a direttorio

M5s, Grillo sarà garante a Palermo ma nodi ancora da sciogliere

Roma, 23 set. (askanews) - Buttarsi alle spalle settimane, anzi mesi, di lotte e faide interne. Ricompattare, per quanto possibile, una squadra di "cittadini" alle prese con accuse e ripicche reciproche, più o meno plateali. E ridefinire obiettivi e mission del Movimento, senza alimentare toto-nomi su future leadership. Insomma, senza alcuna incoronazione, ci mancherebbe. Il nuovo corso del M5s, visibile mediaticamente all'esterno, passerà da Palermo, dal Foro Italico, dove domani e domenica (attese dagli organizzatori 100mila persone) andrà in scena "Italia 5 Stelle", kermesse annuale dei pentastellati, la terza dopo le passate edizioni di Roma e Imola. La prima senza Gianroberto Casaleggio, la prima - tranne novità dell'ultima ora, sempre possibili visto che la scaletta non è ancora pubblica ed è oggetto di continue revisioni - con il figlio Davide sul palco. (Domenica, salvo nuove sorprese, dovrebbero intervenire nell'ordine Di Battista, Di Maio, Casaleggio e Grillo).

A favore di taccuini e telecamere, sarà verosimilmente un continuo "Grillo fa da mediatore", "Grillo nei panni di garante". Con il leader M5s che farà fatica a mantenere fede a quel "passo di lato" annunciato tempo fa, pronto invece a rivendicare ancora una volta il "grande orgoglio" per gli attacchi subiti, e lesto al contempo a spronare tutti ad andare avanti con forza.

Per carità, sul fronte romano, con il definitivo no alle Olimpiadi esplicitato dalla Raggi ("conditio sine qua non" per la sua presenza a Palermo, puntualizza un parlamentare capitolino), Grillo sfrutterà in lungo e in largo il palco palermitano per tagliare e cucire addosso al Movimento il vestito buono da indossare nei giorni di festa. A cominciare dall'esordio in grande stile delle "sindache", la romana Raggi e la torinese Appendino. Detto questo, i nodi politici rimangono tutti o quasi ancora da sciogliere. Almeno così pronosticano fonti non proprio concilianti. "La frattura" dentro il direttorio, raccontano, tra il duo Di Maio-Di Battista e il resto del gruppo "è e sarà irreversibile". Come dire: spenti i riflettori su Palermo, al rientro a Roma "sarà di nuovo guerra".

Ad invocare intanto gioco di squadra è Riccardo Nuti: "Roma è un tassello difficile perché è una città difficile. Ed è inutile negare che ci sono state delle difficoltà. E' evidente e prevedibile. L'unico modo per superare le difficoltà di Roma è giocare di squadra, perché se non si rompono gli schemi con la vecchia politica non si possono fare cambiamenti. Di certo qualche risultato lo abbiamo già ottenuto, Roma è una città più pulita rispetto a qualche mese fa con la vecchia amministrazione".

Ma a gettare benzina sul fuoco ci pensa pure Federico Pizzarotti: "I vertici del Movimento hanno negato a Parma la possibilità di installare il gazebo informativo, al contrario di quello che è avvenuto nelle edizioni precedenti. Il gazebo non è soltanto un tendone e quattro aste, ma rappresenta e simboleggia l'esistenza del Movimento 5 Stelle nei vari territori". E ancora, parlando di Grillo: "Un garante che si mostra vicino ad alcuni e lontano da altri non può essere garante di nulla, né può essere a garanzia di alcunché".

Tocca allora a Di Maio chiamare a raccolta il popolo M5s: "Io voglio un'Italia 5 Stelle, con soluzioni 5 stelle, e queste soluzioni ve le racconteremo al Foro Italico di Palermo domani e dopodomani, in occasione di Italia 5 Stelle, dove non si parlerà dei problemi degli italiani ma delle soluzioni ai problemi degli italiani. Soluzioni che racconteremo al mondo. Vi aspetto lì...".

In merito al programma, domani alle 10 via alle agorà tematiche, che si svolgeranno in due aree dedicate e nei gazebo Parlamento italiano e Parlamento europeo. Dalle 18 gli interventi dal palco mentre si attende l'arrivo della carovana di moto partita da Siracusa che ha raccolto motociclisti in giro per la Sicilia in pieno stile costituzione coast to coast. La sera largo all'intrattenimento con il dj set di Gigi D'Agostino. Domenica dalle 10 si parlerà di buon governo nei comuni M5s, Rc auto, inceneritori, sanità pubblica, antiterrorismo, lavoro, energie e altro ancora. E la giornata si aprirà, sempre alle 10, con uno spettacolo di docenti sul 'no' al referendum costituzionale che si terrà in una delle aree agorà mentre gli interventi dal palco cominceranno a partite dalle 14. Per tutti i due giorni i portavoce attenderanno i cittadini nei relativi stand e, inoltre, ci saranno aree dedicate a temi di interesse dei cittadini. E ci sarà il "Villaggio Rousseau", dedicato al portale di democrazia diretta del M5s lasciato in eredità al Movimento da Gianroberto Casaleggio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina