martedì 24 gennaio | 13:03
pubblicato il 25/set/2016 20:14

M5s, Grillo attacca stampa. E Assange: è responsabile morti guerre

Cronisti insultati da attivisti a Palermo, parlamentari condannano episodio

M5s, Grillo attacca stampa. E Assange: è responsabile morti guerre

Palermo, 25 set. (askanews) - Sulle note di "Un amore così grande", l'inno scelto per l'appuntamento di quest'anno, si è concluso a Palermo "Italia 5 Stelle", la kermesse nazionale del Movimento 5 Stelle. Dal palco allestito sul prato del Foro Italico, Beppe Grillo, dopo essersi ripreso lo "scettro del comando" del suo Movimento, si è collegato con Julian Assange, giornalista e attivista fondatore di Wikileaks, per ribadire quello che è stato un po' il leit motiv del secondo giorno di manifestazione: le gravi responsabilità dei mezzi d'informazione nel "divulgare menzogne". "Mi sono preoccupato di studiare le guerre e in particolare le morti delle guerre. Morti causate dalle menzogne che leggiamo sulla stampa - attacca l'attivista australiano, in collegamento via Skype -. Il dovere del giornalista è osservare, comprendere e dire la verità. Ciò che ci rende una comunità è la comunicazione".

Fin dall'inizio della kermesse si sono registrati attriti tra attivisti e stampa, con i primi che hanno rivolto all'indirizzo dei giornalisti presenti nell'area stampa offese e insulti. Una tensione culminata oggi, quando nel tentativo di avvicinare la sindaca di Roma, Virginia Raggi, appena giunta al Foro Italico, alcuni simpatizzanti pentastellati hanno spintonato i cronisti urlando slogan come "schiavi" e "servi del potere".

L'episodio è stato condannato dal Movimento, che con una nota di Camera e Senato, ha osservato: "L'odio non fa parte del Dna del Movimento 5 Stelle. Gli episodi di aggressione ai cronisti non ci appartengono, e ne prendiamo nettamente le distanze. Noi difendiamo chi lavora, soprattutto chi lo fa da precario per pochi euro al mese".

In realtà, però, ad inasprire il clima ci ha pensato, una volta tornato sul palco, lo stesso "elevato" Grillo, che ha detto: "I nostri giornalisti son quelli che fanno paginoni su Virginia Raggi che ha la cellulite e i peli sulle gambe. Questo è il nostro giornalismo medio di oggi". E a porgere il fianco a Grillo ci ha pensato quindi, dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra, proprio Assange. "La grande imprese che siete riusciti a compiere è stato sbaragliare la stampa corrotta - ha detto -. Grazie alla guida di Beppe e alla buona volontà".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4