martedì 28 febbraio | 00:44
pubblicato il 07/set/2012 20:11

M5S/ Favia fa scoppiare bubbone, ma in Emilia malessere da mesi

Ad Aprile Grillo a Tavolazzi:La decisione è presa, fai tua strada

M5S/ Favia fa scoppiare bubbone, ma in Emilia malessere da mesi

Bologna, 7 set. (askanews) - "Ciao Tavo, guarda che non ce l'ho con te. Ma ormai ognuno deve fare il proprio percorso quindi stai tranquillo. Ormai la decisione è stata presa, l'abbiamo presa, l'ho presa, quindi vai avanti col tuo movimento, magari un po' più in là vedremo di? non so? ma adesso è inutile che ci stiamo a dire le ragioni o cosa c'è dietro o cosa non c'è dietro". E' questo il messaggio che a fine marzo Beppe Grillo ha lasciato nella segreteria telefonica di Valentino Tavolazzi, il consigliere comunale di Ferrara, il primo espulso dal Movimento 5 Stelle per mano del comico genovese e del suo spin doctor, Gianroberto Casaleggio. La telefonata, arrivata nel pieno della campagna elettorale, può aiutare a comprendere meglio il significato delle dichiarazioni fatte (a microfoni spenti) da Giovanni Favia alla trasmissione 'Piazza Pulita': il consigliere regionale dell'Emilia-Romagna ha denunciato una "mancanza di democrazia" dentro il movimento. Lo sfogo di Favia sembra un fulmine a ciel sereno, in realtà non è altro che una conseguenza di un malessere che va avanti da mesi, almeno in Emilia-Romagna, un "laboratorio" per il movimento di Beppe Grillo che proprio cinque anni fa (il 9 settembre 2007) da Piazza Maggiore a Bologna presentò attraverso il "V-day" la legge di iniziativa popolare "Parlamento pulito". La fronda del movimento emiliano è molto forte: a marzo Favia e Tavolazzi si sono esposti in più occasioni criticando il sistema di gestione del blog del M5S (per il consigliere regionale "pubblicano soltanto alcuni messaggi, alcune conversazioni vengono cancellate") e di tutto il movimento. Interpellati in piena campagna elettorale, i candidati sindaci hanno sempre dribblato le domande sulla gestione interna e i diktat di Grillo. L'elezione di Federico Pizzarotti a Parma e di Marco Fabbri a Comacchio hanno placato le polemiche, ma solo per qualche mese. "Non voglio creare in questo frangente, almeno fino al dopo elezioni, dei motivi di strumentalizzazione - ha spiegato a TM News Tavolazzi ad aprile - non ci penso minimamente. Ma io non sono rassegnato a non affrontare più questo problema. Lascio passare le elezioni, voglio vedere Beppe Grillo e parlargli di persona perché voglio sapere perché mi ha cacciato. Ma è evidente che se non si arriva ad un chiarimento su come il Movimento debba essere governato si rischia la spaccatura, lo sfaldamento, la fuga, il degrado di qualcosa che invece è preziosissimo". "Siccome le aspettative elettorali sono positive - aveva aggiunto l'espulso di Ferrara - e siccome riponiamo, nonostante tutto, grande fiducia in Beppe Grillo, qui bisogna capire se il modello-accoppiata Grillo-Casaleggio è un problema serio per il movimento e, se sì, se è superabile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech