venerdì 20 gennaio | 15:56
pubblicato il 13/mag/2016 19:38

M5S espelle Pizzarotti. Lui: irresponsabili, non mi dimetto

Attacco a Di Maio. Blog Grillo: sindaco sapeva da mesi di avviso

M5S espelle Pizzarotti. Lui: irresponsabili, non mi dimetto

Roma, 13 mag. (askanews) - La notizia compare di spalla a destra sul blog di Beppe Grillo: dopo l'avviso di garanzia "Federico Pizzarotti è sospeso dal Movimento cinque stelle". Perchè "la trasparenza è il primo dovere degli amministratori e dei portavoce del MoVimento 5 Stelle" e il sindaco sapeva "da mesi" dell'avviso. La conclusione è inflessibile: "Non si attendono le sentenze per dare un giudizio politico".

Passa qualche ora, silenzio totale dal direttorio, e arriva la replica del diretto interessato. Prima via Fb poi con una rapida conferenza stampa. "Ma quale trasparenza" sbotta Pizzarotti in un post, sono "mesi che Parma chiede chiarimenti, privati e anche pubblici. Totalmente ignorati. Parlate addirittura di trasparenza?". Poi il sindaco ricostruisce le ultime ore spiegando di "non aver avuto nemmeno una telefonata da qualcuno che conta" ma solo "una mail anonima" inviata e postata sulla sua pagina Fb da chi si firma "staff di Grillo". Una mail che gli intimava di inviare entro poche ore "copia dell'avviso di garanzia ricevuta e di tutti i documenti connessi alla vicenda". Ma Pizzarotti risponde picche ("a una mail anonima non fornisco nessun documento" soprattutto quando c'è "un'indagine in corso"), l'unico da cui doveva giungere una chiamata era "il responsabile Comuni Luigi Di Maio".

Non basta. Siccome "il mondo normale non è Fb o postare un video" Pizzarotti mostra la faccia e non la manda a dire a nessuno. L'attacco più duro è quello verso Di Maio: "Il direttorio M5S si è dimostrato" "non puro ma irresponsabile e Di Maio una responsabilità su questo ce l'ha". Nel merito della vicenda Pizzarotti contesta "l'interpretazione del regolamento a proprio gusto" perchè "su Nogarin c'è stato un comportamento e con me un altro". Insomma, taglia corto, si è voluto trovare "una scusa" per sospendere un amministratore da sempre critico verso i vertici del M5S.

Adesso dunque non resta che "attendere le scuse" e un "ripensamento" da chi ha gestito le cose in questo modo. Ma di dimissioni non se ne parla, l'esperienza amministrativa a Parma prosegue: "Abbiamo saldamente le mani" sul governo della città, "Parma va avanti, non c'è nessuna crisi - assicura Pizzarotti -, giunta e consiglieri siamo tutti allineati".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Governo
Prodi da Gentiloni a Palazzo Chigi, incontro di un'ora
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"