domenica 26 febbraio | 00:05
pubblicato il 15/apr/2013 12:00

M5S/ Domani nome per il Colle. Casaleggio: Meglio non politico

La capogruppo Lombardi: "Voteremo solo il nostro candidato"

M5S/ Domani nome per il Colle. Casaleggio: Meglio non politico

Roma, 15 apr. (askanews) - Dopo la rinuncia ufficiale del leader e fondatore Beppe Grillo, oggi gli attivisti del Movimento 5 stelle votano per scegliere il candidato alla presidenza della Repubblica. Si vota fino alle 21, i risultati dovrebbero essere diffusi domani, se non ci saranno nuove anomalie tecniche dopo quelle che hanno portato la scorsa settimana alla ripetizione del primo turno. Domani poi l'incontro con il Pd, fra due delegazioni guidate dai capigruppo, di cui i Cinque stelle hanno chiesto ancora una volta la diretta streaming. Il meccanismo delle cosiddette quirinarie è quello noto del sondaggio on line per gli iscritti registrati entro la fine del 2012. Le nove personalità in lizza, selezionate al primo turno di venerdì scorso, sono Emma Bonino, Gian Carlo Caselli, Dario Fo, Milena Gabanelli, Ferdinando Imposimato, Romano Prodi, Stefano Rodotà, Gino Strada Luigi e Gustavo Zagrebelsky. In ordine alfabetico, perché sul blog di Beppe Grillo, sede ufficiale del movimento e strumento della votazione, non sono stati resi noti né i risultati del primo turno né il numero dei votanti effettivi, ma solo quello degli aventi diritto, poco meno di 50mila. Forse perché i comunicatori M5S hanno giudicato un po' ristretto il campione che si è effettivamente espresso nel voto. In apparenza, un meccanismo così asettico è quello che lascia la maggiore libertà possibile agli attivisti, non influenzati, nella loro scelta, dalle maggiori o minori chance dei candidati in corsa. Tuttavia il dibattito si svolge su linee parallele. Da un lato 'l'ideologo' Paolo Becchi ribadisce la sua totale incompatibilità con l'eventuale scelta di Prodi ("se dovesse uscire Prodi esco io. Anzi, poiché non sono neppure entrato, tolgo semplicemente il disturbo"). Dall'altro c'è da registrare l'intervento di gran peso di Gianroberto Casaleggio, sodale di Grillo, supervisore della comunicazione del movimento e gestore delle quirinarie. Il quale auspica la scelta di un candidato "che sia super partes e preferibilmente non venga dal mondo politico e che rappresenti tutti gli italiani". Se non è un veto su Prodi, poco ci manca. Ma cosa accadrà se dopo i tre scrutini ci dovesse essere la possibilità di convergere con altre forze politiche su un candidato al Quirinale che facesse parte della rosa dei nove votata al primo turno delle quirinarie? Cioè non il candidato scelto nell'odierno ballottaggio on line ma comunque una personalità fra le più votate dagli attivisti? "Voteremo solo il nostro candidato", ha precisato la capogruppo 'grillina' alla Camera Roberta Lombardi, "è una scelta di metodo". Ma chi l'ha deciso il metodo? E' prevedibile che qualche malumore esploda alla vigilia di un eventuale quarto scrutinio e che alla fine i capigruppo di Camera e Senato siano costretti a convocare un'assemblea congiunta degli eletti a 5 stelle. "Non lo abbiamo deciso da nessuna parte", è il lapidario commento di Tommaso Currò, deputato M5S già protagonista di qualche polemica per la carenza di dibattito interno sulle scelte strategiche del movimento in Parlamento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech