mercoledì 07 dicembre | 14:20
pubblicato il 04/feb/2014 12:00

M5S deposita pdl per abolire finanziamento pubblico editoria

Scritta dal web. 80 mln del fondo destinati a start up progetti

M5S deposita pdl per abolire finanziamento pubblico editoria

Roma, 4 feb. (askanews) - Destinare gli 80 milioni di euro di fondi diretti riservati all'editoria per finanziare le startup di nuovi progetti editoriali nel campo media e risparmiare 3 miliardi di euro delle pubbliche amministrazioni abolendo l'obbligo di pubblicazione dei bandi di gara. Sono i due punti essenziali della proposta di legge "Disposizioni volte alla abolizione del finanziamento pubblico all'editoria", a prima firma Giuseppe Brescia, depositata oggi dal Movimento 5 Stelle alla Camera. Nel dettaglio, la proposta dilegge si compone di due articoli. L'articolo 1 prevede l'abrogazione di tutte le disposizioni inerenti i finanziamenti all'editoria, a eccezione di quelle per i contributi di natura prevalentemente sociale. Con le risorse risparmiate attraverso l'abrogazione dei contributi all'editoria - pari a circa a ottanta milioni di euroall'anno - si prevede la realizzazione di progetti di start up in campo editoriale per under 35. Con l'articolo 2, si chiedel'eliminazione dell'obbligo di pubblicazione dei bandi di gara delle PA sui quotidiani nazionali e locali - che comportano una spesa di circa tre miliardi di euro all'anno -, sostituendolo con altre modalità di pubblicazione meno onerose per le casse degli enti locali, che avranno dunque maggiori fondi a loro disposizione. La pdl prevede inoltre il mantenimento del fondo per la mobilità e la riqualificazioneprofessionale dei giornalisti e quello per il finanziamento delle pubblicazioni delle minoranze linguistiche. Vengono invece aboliti i fondi per l'editoria italiana all'estero. Infine, il tema del conflitto di interessi nell'editoria viene rimandato al lavoro della commissione Giustizia. lo scheletro della pdl, elaborato dai componenti M5S della commissione Cultura, è stato sottoposto al contributo degli attivisti sulla piattafoma LEX del MoVimento 5 Stelle: i commenti pervenuti sono stati 4456, di cui 3269 suggerimenti, 639 integrazioni, 137 modifiche, 258 obiezioni e 57 vizi di forma. "L'iter che ha portato alla nostra proposta di legge - ha evidenziato il gruppo parlamentare M5S- è il primo esperimento di democrazia diretta on line della storia della Repubblica italiana".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Governo
Chi tifa e chi no per elezioni dopo il no alla riforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni