sabato 03 dicembre | 16:39
pubblicato il 23/set/2014 18:53

M5S: chi votera' contro stop vitalizi senatori condannati?

Domani e' il giorno decisivo, al Senato si vota nostra proposta (ASCA) - Roma, 23 set 2014 - "Stop ai vitalizi per i senatori condannati, domani sara' il giorno della verita'. In occasione della discussione del bilancio del Senato sara' discusso e messo in votazione, tra i tanti ordini del giorno presentati, uno del Movimento 5 Stelle per ridurre i costi della politica e tagliare privilegi, quello che sospende l'erogazione del vitalizio per i senatori condannati decaduti o cessati dal mandato". E' quanto annuncia una nota del gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle.

"Su questa proposta di onesto buonsenso, sono state raccolte dalla campagna Riparte il Futuro oltre 200mila adesioni - prosegue il gruppo parlamentare M5S Senato - qualcuno avra' il coraggio di votare contro?. Il provvedimento colpira' ex senatori condannati per 'gravi reati, come i reati fiscali e tributari, contro la pubblica amministrazione, contro l'amministrazione della giustizia e connessi all'attivita' mafiosa'. (Segue) Pol/Gal

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari