domenica 22 gennaio | 05:47
pubblicato il 08/set/2012 19:58

M5S/ Ancora polemiche, Grillo: 'Scoop' è stato concordato

Favia come Fini: "Che fai, mi cacci?"

M5S/ Ancora polemiche, Grillo: 'Scoop' è stato concordato

Roma, 8 set. (askanews) - Torna buono Rino Formica, secondo il quale la politica è un mix di "sangue" e altro materiale organico non proprio nobile, per commentare gli ultimi giorni del Movimento 5 Stelle. La polemica scatenata dal 'fuori onda' di 'Piazza pulita' non accenna a spegnersi, il regno degli 'anti-partito' si ritrova da giovedì impegnato in uno scontro interno che non ha nulla a che invidiare a quelli che possono verificarsi nel Pdl o nel Pd e la 'gola profonda' Giovanni Favia arriva perfino a copiare Gianfranco Fini nel rispondere a Beppe Grillo. Il comico-blogger-leader ha pubblicato sul suo sito internet una ricostruzione dello scoop di 'Piazza Pulita' fatta dal giornalista free-lance Maurizio Ottomano, versione che evidentemente Grillo fa propria: secondo questo racconto, ci sono diversi indizi a sostegno della tesi del 'complotto', ovvero del fatto che Favia avrebbe in realtà criticato il Movimento ben consapevole che il giornalista lo stava registrando. Tutto, secondo la ricostruzione, sarebbe stato concordato prima, tra il consigliere regionale dell'M5S e il giornalista di 'Piazza Pulita', in modo da far sembrare che le dichiarazioni fossero state carpite con l'inganno. La tesi, sostenuta da Ottomano e rilanciata da Grillo, è che "la fine mandato, prossima per Favia che è già alla seconda legislatura e quindi non più candidabile nel M5S, potrebbe essere il movente di questa intervista concordata e il 'do ut des' per il passaggio ad altra formazione politica, probabilmente il Pd o affini (tanto non cambia di molto la sostanza)". Insomma, Favia si sarebbe prestato volontariamente allo 'scoop' per accreditarsi presso qualche altro partito, magari quello di Bersani. Del resto, chiosa Ottomano, "Favia non è lo sprovveduto che pensiamo in balia del giornalista cattivo e di una tecnologia sconosciuta. Il nostro Favia è abituatissimo alle interviste". Poco dopo, sempre via web, come è normale nell'M5S, Favia replica, facendo al memorabile "che fai, mi cacci?" rivolto da Fini a Berlusconi il giorno della rottura definitiva: ""Non ho nessuna intenzione di andare nel Pd. L'M5S è sempre stata ed è la mia casa. Che fai mi cacci?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4