venerdì 09 dicembre | 22:57
pubblicato il 31/gen/2012 21:00

Lusi/ Rutelli parte offesa. Il caso scuote Pd, Bersani sorpreso

Partito prende le distanze. Scambio di accuse tra ex Margherita

Lusi/ Rutelli parte offesa. Il caso scuote Pd, Bersani sorpreso

Roma, 31 gen. (askanews) - La vicenda di Luigi Lusi, l'ex tesoriere della Margherita che ha ammesso di aver sottratto al partito 13 milioni di euro scuote il Pd, soprattutto gli ex dielle. L'ex leader della Margherita, Francesco Rutelli, ora Api, che scelse Lusi come tesoriere e che gli è sempre stato considerato il più vicino si è subito costituito parte offesa, prima ancora che la notizia trapelasse sulla stampa, il 18 gennaio scorso. Oggi poi in una nota congiunta con gli altri dirigenti della Margherita Rutelli ha precisato che "in nessun modo il Presidente o gli altri dirigenti hanno mai esercitato responsabilità di gestione, né hanno mai emesso bonifici", insomma Lusi faceva tutto da solo e perciò gli è stata anche rivolta una formale richiesta di dimettersi da tesoriere, accolta il 25 gennaio scorso. Sulla vicenda Lusi il Pd vuole prendere le distanze. Pier Luigi Bersani oggi ha incontrato il suo tesoriere, Antonio Misiani e ha chiarito: "Il Pd di questa vicenda non sa nulla - ha detto il segretario - e dopo gli accertamenti farà intervenire la commissione di garanzia, non faremo sconti, saremo rigorosi e prenderemo provvedimenti", non è esclusa una sospensione del senatore democratico. E' già stata convocata da Luigi Berlinguer la commissione di Garanzia per verificare le informazioni e prendere le misure previste dalla statuto e dal codice etico del Pd. Al Senato la capogruppo Anna Finocchiaro ha chiesto formalmente le dimissioni di Lusi dal gruppo e informato dell'iniziativa i senatori che da questa mattina chiedevano cosa avrebbe fatto il gruppo. Il segretario si è detto anche "sorpreso e non gradevolmente" da quanto accaduto, seppure, come puntualizza Misiani "gli unici rapporti economici tra Pd e Margherita, che sono soggetti giuridicamente distinti, riguardano i pagamenti che il Pd effettua regolarmente ed esclusivamente per il subaffitto e per le spese di gestione della sede di via Sant'Andrea delle Fratte". Un sentimento, quello dello stupore, piuttosto diffuso a ben vedere tra molti dirigenti Dem di provenienza Ds. La partita si sposta quindi tra gli esponenti ex dielle. Arturo Parisi è stato il primo ad esporsi e ammettere di aver sollevato un problema di "opacità del bilancio del 2011" e chiesto un approfondimento che però non è mai stato fatto, lascia intendere il professore, a causa del "disinteresse" degli altri dirigenti ex diellini come Franceschini, Fioroni, Bindi, Letta, Marini.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina