venerdì 09 dicembre | 15:04
pubblicato il 20/mar/2015 12:31

Lupi: mai fatto pressioni per far avere lavoro a mio figlio

"Potevo chiamare io i Perotti, non l'ho fatto"

Lupi: mai fatto pressioni per far avere lavoro a mio figlio

Roma (askanews) - "Non ho mai fatto pressioni con chicchessia per procurare lavoro a mio figlio". Lo ribadisce il ministro Maurizio Lupi, in aula a Montecitorio per l'informativa sull'inchiesta di Firenze. La telefonata a Incalza, per Lupi, va spiegata così: "L'intercettazione documenta che ho proposto a mio figlio, come farebbe qualsiasi padre, la possibilità di fargli incontrare una persona di grande esperienza per consigliarlo sulla scelta da fare", aggiunge Lupi. E per rafforzare questa lettura aggiunge: "La decisione di Incalza di chiamare Perotti non può essermi addebitata. Conosco Perotti da anni, che bisogno avrei avuto di chiedere a Incalza di intercecedere per lui? Se avessi voluto, avrei potuto farlo io. E non l'ho mai fatto". Ancora: "Credo sia evidente e inverosimile che un amico di famiglia da 40 anni abbia potuto accreditarsi a me con un vestito".

Gli articoli più letti
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
M5s
Grillo richiama M5s: programma unico per i candidati premier
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina