lunedì 20 febbraio | 17:31
pubblicato il 28/ott/2013 19:47

L.stabilita': Boccia, basta proroghe su recupero condoni non pagati

(ASCA) - Roma, 28 ott - ''Niente piu' proroghe o rinvii, per i ''condonati' e' arrivato il momento di saldare il loro conto con lo Stato. In base al rapporto della Corte dei Conti risulta che, a fronte dei 5.2 miliardi di entrate previste da vecchi condoni, ne sono stati pagati solo 1.8. All'appello ne mancherebbero 3.4 ed e' arrivato il momento di riscuoterli.

La prima cosa da fare, quindi, e' prevedere che, chi non e' in regola con i pagamenti, perda subito tutti i benefici del condono: non escludo che gia' nella Legge di Stabilita' possa essere inserita una norma in tal senso - e le penalizzazioni accessorie. Non e' piu' accettabile che quanti hanno aderito in passato ad un condono fiscale tombale (come quello del 2002, targato Tremonti) abbiano poi cambiato le carte in tavola, continuando di fatto ad evadere sull'evaso''. Cosi' il presidente della Commissione Bilancio della Camera, Francesco Boccia (Pd), uscendo dal Senato in occasione delle audizioni sulla Legge di Stabilita'. com-min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia