lunedì 16 gennaio | 18:27
pubblicato il 11/set/2013 19:02

Lombardia/Immigrati: ass. Bordonali, Regione e' modello di integrazione

(ASCA) - Milano, 11 set - ''I dati forniti dall'osservatorio certificano innanzitutto come la Lombardia sia stata fino a oggi un modello di integrazione: vivono sul nostro territorio circa 1.129.000 immigrati, che corrispondono al 23,2 per cento del totale nazionale''. Cosi' l'assessore alla Sicurezza della Regione Lombardia, Simona Bordonali, ha commentato oggi in Commissione Affari istituzionali, i dati contenuti nel 'Rapporto 2012 sugli immigrati in Lombardia', elaborato da Orim, l'Osservatorio regionale sull'immigrazione e multietnicita'.

Il rapporto, redatto annualmente dall'osservatorio, da tredici anni dalla sua istituzione, si pone come obiettivo quello di monitorare la presenza straniera sul territorio lombardo, in modo da poter essere utilizzato come valido ausilio nella programmazione delle politiche.

Secondo gli ultimi dati disponibili, relativi al 2012, gli immigrati in Lombardia, in dodici anni, sono passati da 400.000 a 1.200.000 unita'. Nonostante la lieve flessione riscontrata nell'ultimo anno, l'intero arco temporale 2001-2012 e' andato comunque caratterizzandosi per un incremento della presenza straniera di ben 817.000 unita'. Un numero equivalente, per dimensione demografica, alla province di Varese o di Monza e Brianza.

''Per tentare di risolvere le problematiche legate al fenomeno dell'immigrazione - ha spiegato l'assessore a proposito dell'emergenza profughi - credo sia necessario superare la parte del Trattato di Dublino, che prevede per l'immigrato l'obbligo di rimanere sul territorio dello Stato a cui si chiede lo status di rifugiato. Si tratta di una norma che ci penalizza fortemente - precisa Bordonali -, perche' induce gli immigrati a rimanere clandestini per non incorrere nell'obbligo di vivere in Italia per circa due anni''.

Dall'assessore lombardo una riflessione conclusiva: ''Attualmente le tematiche dell'immigrazione in Lombardia sono fortemente legate al problema della mancanza di lavoro.

E' in grande crescita anche la percentuale degli stranieri disoccupati, salita al 14,4 per cento. Ritengo prioritario offrire risposte occupazionali alle centinaia di migliaia di Lombardi e agli stranieri integrati rimasti senza lavoro, prima di accogliere nuovi flussi migratori''.

com-fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello