sabato 25 febbraio | 11:11
pubblicato il 11/set/2013 19:02

Lombardia/Immigrati: ass. Bordonali, Regione e' modello di integrazione

(ASCA) - Milano, 11 set - ''I dati forniti dall'osservatorio certificano innanzitutto come la Lombardia sia stata fino a oggi un modello di integrazione: vivono sul nostro territorio circa 1.129.000 immigrati, che corrispondono al 23,2 per cento del totale nazionale''. Cosi' l'assessore alla Sicurezza della Regione Lombardia, Simona Bordonali, ha commentato oggi in Commissione Affari istituzionali, i dati contenuti nel 'Rapporto 2012 sugli immigrati in Lombardia', elaborato da Orim, l'Osservatorio regionale sull'immigrazione e multietnicita'.

Il rapporto, redatto annualmente dall'osservatorio, da tredici anni dalla sua istituzione, si pone come obiettivo quello di monitorare la presenza straniera sul territorio lombardo, in modo da poter essere utilizzato come valido ausilio nella programmazione delle politiche.

Secondo gli ultimi dati disponibili, relativi al 2012, gli immigrati in Lombardia, in dodici anni, sono passati da 400.000 a 1.200.000 unita'. Nonostante la lieve flessione riscontrata nell'ultimo anno, l'intero arco temporale 2001-2012 e' andato comunque caratterizzandosi per un incremento della presenza straniera di ben 817.000 unita'. Un numero equivalente, per dimensione demografica, alla province di Varese o di Monza e Brianza.

''Per tentare di risolvere le problematiche legate al fenomeno dell'immigrazione - ha spiegato l'assessore a proposito dell'emergenza profughi - credo sia necessario superare la parte del Trattato di Dublino, che prevede per l'immigrato l'obbligo di rimanere sul territorio dello Stato a cui si chiede lo status di rifugiato. Si tratta di una norma che ci penalizza fortemente - precisa Bordonali -, perche' induce gli immigrati a rimanere clandestini per non incorrere nell'obbligo di vivere in Italia per circa due anni''.

Dall'assessore lombardo una riflessione conclusiva: ''Attualmente le tematiche dell'immigrazione in Lombardia sono fortemente legate al problema della mancanza di lavoro.

E' in grande crescita anche la percentuale degli stranieri disoccupati, salita al 14,4 per cento. Ritengo prioritario offrire risposte occupazionali alle centinaia di migliaia di Lombardi e agli stranieri integrati rimasti senza lavoro, prima di accogliere nuovi flussi migratori''.

com-fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech