martedì 21 febbraio | 23:16
pubblicato il 05/feb/2013 16:14

Lombardia: Pd presenta ricorso ad Agcom su squilibrio Maroni-Ambrosoli

(ASCA) - Milano, 5 feb - ''Nei tg e nelle trasmissioni di approfondimento nazionali abbiamo riscontrato un'enorme squilibrio nelle presenze dei candidati alla Presidenza della Regione Lombardia''. Lo dichiara in una nota Vinicio Peluffo, deputato lombardo Pd membro della Commissione di Vigilanza Rai, annunciando di aver presentato un ricorso all'Agcom per sollecitare ''un intervento urgente finalizzato a eliminare questo ingiustificato vantaggio competitivo e per ristabilire un equilibrio vero tra i candidati''.

Secondo Peluffo, ''Maroni non puo' nascondersi dietro il doppio ruolo di segretario della Lega e di candidato presidente, il doppio incarico e' un problema suo che non puo' trasformarsi in presenze televisive doppie. Questo enorme vantaggio competitivo a favore di Maroni e' in contrasto con un articolo preciso (art.6) del regolamento per la par condicio emanato dall'Agcom il 10 gennaio ed anche dei criteri interpretativi del 1 febbraio''. com-fcz/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia