venerdì 09 dicembre | 16:55
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Lombardia/ Lega contro "ammucchiata", pronta a corsa solitaria

Salvini: "Pensare che sosterremo Monti è una presa in giro"

Milano, 13 dic. (askanews) - Il futuro, e non soltanto quello prossimo, della Lega verrà deciso al Consiglio federale di lunedì 17, quando i dirigenti del Carroccio saranno chiamati a decidere se correre alle elezioni da soli o alleati con il Pdl, con cui in Lombardia governano da oltre 15 anni. Ma allo stato delle cose, dopo il pressing di Silvio Berlusconi su Mario Monti affinché si candidi, la strada sembra segnata. E' stato chiarissimo, in serata su twitter, dopo il giudizio negativo espresso già ieri a caldo, il leader della Lega Roberto Maroni: "Grande ammucchiata guidata da Monti, quello del record mondiale di tasse? No, grazie". Altrettanto esplicito il leader della Lega Lombarda Matteo Salvini: "Pensare che sosterremo Monti è una presa in giro", ha detto, sottolineando che il Carroccio monterà oltre mille gazebo in Lombardia sabato e domenica proprio contro il governo. Maroni sembra puntare il tutto sulla corsa a governatore, anche in solitaria, forte dell'appoggio di un paio di liste civiche, della lista Tremonti, e di una lista a suo nome, oltre che ovviamente della Lega. "Il Nord unito, le istituzioni del Nord, se riescono a fare un'azione comune, condizionano qualsiasi governo: di destra, di sinistra, di centro", ha detto oggi Maroni, quasi a volersi smarcare da tentazioni di accordo su "Roma", visto che un accordo con Berlusconi non trova i consensi della base ed è difficile, se non impossibile, far digerire un'alleanza con un Pdl che sostiene Monti Anche il Pdl lombardo sembra ormai aver compiuto la sua scelta: Formigoni ha ribadito oggi il suo appoggio, e di quello "della maggioranza degli elettori e dei dirigenti lombardi", ad Albertini, esponente "che può vincere" di una linea "nel solco del Partito popolare europeo, non estremista e non populista", e che è quella che dovrà seguire "il nuovo Pdl". Tra i due, Albertini e Maroni, quindi, la sfida è ancora virtuale ma è già aperta. "Non porterà via un voto" a Maroni - dice già Salvini - perché l'ex sindaco di Milano dice che Mario Monti è un eroe, e questo è il contrario di quello che pensa chi vota Maroni". "Albertini - ha osservato Salvini - strizza l'occhio a Montezemolo" e "semmai porta via voti ad Ambrosoli: sono le due facce della stessa medaglia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina