lunedì 23 gennaio | 15:44
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Lombardia/ Lega contro "ammucchiata", pronta a corsa solitaria

Salvini: "Pensare che sosterremo Monti è una presa in giro"

Milano, 13 dic. (askanews) - Il futuro, e non soltanto quello prossimo, della Lega verrà deciso al Consiglio federale di lunedì 17, quando i dirigenti del Carroccio saranno chiamati a decidere se correre alle elezioni da soli o alleati con il Pdl, con cui in Lombardia governano da oltre 15 anni. Ma allo stato delle cose, dopo il pressing di Silvio Berlusconi su Mario Monti affinché si candidi, la strada sembra segnata. E' stato chiarissimo, in serata su twitter, dopo il giudizio negativo espresso già ieri a caldo, il leader della Lega Roberto Maroni: "Grande ammucchiata guidata da Monti, quello del record mondiale di tasse? No, grazie". Altrettanto esplicito il leader della Lega Lombarda Matteo Salvini: "Pensare che sosterremo Monti è una presa in giro", ha detto, sottolineando che il Carroccio monterà oltre mille gazebo in Lombardia sabato e domenica proprio contro il governo. Maroni sembra puntare il tutto sulla corsa a governatore, anche in solitaria, forte dell'appoggio di un paio di liste civiche, della lista Tremonti, e di una lista a suo nome, oltre che ovviamente della Lega. "Il Nord unito, le istituzioni del Nord, se riescono a fare un'azione comune, condizionano qualsiasi governo: di destra, di sinistra, di centro", ha detto oggi Maroni, quasi a volersi smarcare da tentazioni di accordo su "Roma", visto che un accordo con Berlusconi non trova i consensi della base ed è difficile, se non impossibile, far digerire un'alleanza con un Pdl che sostiene Monti Anche il Pdl lombardo sembra ormai aver compiuto la sua scelta: Formigoni ha ribadito oggi il suo appoggio, e di quello "della maggioranza degli elettori e dei dirigenti lombardi", ad Albertini, esponente "che può vincere" di una linea "nel solco del Partito popolare europeo, non estremista e non populista", e che è quella che dovrà seguire "il nuovo Pdl". Tra i due, Albertini e Maroni, quindi, la sfida è ancora virtuale ma è già aperta. "Non porterà via un voto" a Maroni - dice già Salvini - perché l'ex sindaco di Milano dice che Mario Monti è un eroe, e questo è il contrario di quello che pensa chi vota Maroni". "Albertini - ha osservato Salvini - strizza l'occhio a Montezemolo" e "semmai porta via voti ad Ambrosoli: sono le due facce della stessa medaglia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4