martedì 21 febbraio | 06:36
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Lombardia/ Lega contro "ammucchiata", pronta a corsa solitaria

Salvini: "Pensare che sosterremo Monti è una presa in giro"

Milano, 13 dic. (askanews) - Il futuro, e non soltanto quello prossimo, della Lega verrà deciso al Consiglio federale di lunedì 17, quando i dirigenti del Carroccio saranno chiamati a decidere se correre alle elezioni da soli o alleati con il Pdl, con cui in Lombardia governano da oltre 15 anni. Ma allo stato delle cose, dopo il pressing di Silvio Berlusconi su Mario Monti affinché si candidi, la strada sembra segnata. E' stato chiarissimo, in serata su twitter, dopo il giudizio negativo espresso già ieri a caldo, il leader della Lega Roberto Maroni: "Grande ammucchiata guidata da Monti, quello del record mondiale di tasse? No, grazie". Altrettanto esplicito il leader della Lega Lombarda Matteo Salvini: "Pensare che sosterremo Monti è una presa in giro", ha detto, sottolineando che il Carroccio monterà oltre mille gazebo in Lombardia sabato e domenica proprio contro il governo. Maroni sembra puntare il tutto sulla corsa a governatore, anche in solitaria, forte dell'appoggio di un paio di liste civiche, della lista Tremonti, e di una lista a suo nome, oltre che ovviamente della Lega. "Il Nord unito, le istituzioni del Nord, se riescono a fare un'azione comune, condizionano qualsiasi governo: di destra, di sinistra, di centro", ha detto oggi Maroni, quasi a volersi smarcare da tentazioni di accordo su "Roma", visto che un accordo con Berlusconi non trova i consensi della base ed è difficile, se non impossibile, far digerire un'alleanza con un Pdl che sostiene Monti Anche il Pdl lombardo sembra ormai aver compiuto la sua scelta: Formigoni ha ribadito oggi il suo appoggio, e di quello "della maggioranza degli elettori e dei dirigenti lombardi", ad Albertini, esponente "che può vincere" di una linea "nel solco del Partito popolare europeo, non estremista e non populista", e che è quella che dovrà seguire "il nuovo Pdl". Tra i due, Albertini e Maroni, quindi, la sfida è ancora virtuale ma è già aperta. "Non porterà via un voto" a Maroni - dice già Salvini - perché l'ex sindaco di Milano dice che Mario Monti è un eroe, e questo è il contrario di quello che pensa chi vota Maroni". "Albertini - ha osservato Salvini - strizza l'occhio a Montezemolo" e "semmai porta via voti ad Ambrosoli: sono le due facce della stessa medaglia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia