domenica 04 dicembre | 01:10
pubblicato il 10/ott/2012 20:15

Lombardia/ Formigoni sempre più in bilico, Lega verso ultimatum

Fra ipotesi richiesta azzeramento giunta. Divisioni anche nel Pdl

Lombardia/ Formigoni sempre più in bilico, Lega verso ultimatum

Roma, 10 ott. (askanews) - Ore 19, a Milano Matteo Salvini e Roberto Maroni si riuniscono per discutere del futuro di Roberto Formigoni e della sua giunta, dopo l'ennesimo scandalo che ha portato in galera l'assessore Zambetti, con l'accusa di voto di scambio con la 'ndrangheta. Negli stessi minuti, a Roma i vertici del Pdl si riuniscono in più 'sessioni' per affrontare l'emergenza. La tensione è altissima. Stavolta, questo circola nei Palazzi romani, il Carroccio sembra intenzionato a fornire un segnale concreto di discontinuità. Pare, almeno di questo si discute nel Pdl, che dalla Lega sia partito una sorta di ultimatum diretto a Formigoni. Il segnale 'minimo' che i lumbard potrebbero richiedere al governatore passa per un azzeramento della giunta regionale. Anche se un'anima del partito spinge per la rottura immediata. La partita è ancora apertissima. Nella Lega si valutano diversi scenari, nel caso in cui il governatore non rispondesse all'appello del Carroccio. Una delle ipotesi sul tappeto - estrema - prevede il ritiro dei consiglieri regionali leghisti dal Consiglio, come già accaduto nel Lazio. Un'altra immagina una presa di posizione pubblica leghista, nella quale i vertici leghisti richiedono un impegno del governatore per traghettare la Lombardia a breve al voto. Una via di mezzo potrebbe essere il ritiro degli assessori 'padani' dalla giunta Formigoni e una contestuale richiesta di azzeramento dell'intero governo regionale. Ma non basta. Anche nel Pdl è in atto una discussione serrata - soprattutto nell'ex Forza Italia - su quale sia la migliore strategia per affrontare l'ondata di scandali. E non tutti ritengono che la via migliore sia quella di arroccarsi in difesa di una giunta ormai traballante. Molto significative le parole di Maria Stella Gelmini, che in un comunicato pesato parola per parola ha fra l'altro rilevato: "Il mondo della politica è sotto schiaffo e diventa sempre più difficile distinguere il grano dal loglio. Anche se le responsabilità penali sono sempre personali, di fronte all'opinione pubblica la politica è tutta sotto accusa". Una parola definitiva, è probabile, emergerà dal summit convocato per questa sera da Maroni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari