mercoledì 22 febbraio | 11:33
pubblicato il 20/feb/2013 18:12

Lombardia: caccia aperta ai voti di Giannino. Scontro Maroni-Albertini

Lombardia: caccia aperta ai voti di Giannino. Scontro Maroni-Albertini

(ASCA) - Milano, 20 feb - In Lombardia e' caccia al voto dei 'delusi' di Oscar Giannino. Lo testimoniano gli 'appelli' lanciati all'elettorato di 'Fare per fermare il declino' dai principali protagonisti della corsa per la conquista del Pirellone. La speranza, tanto a destra quanto a sinistra, e' di intercettare i voti di chi era pronto a mettere la X sul nome di Giannino ma ora e' rimasto in preda all'incertezza dopo la 'figuraccia' dell'economista sui master e riconoscimenti accedemici riportati sul suo curriculum senza mai averli conseguiti. E cosi', a una manciata di giorni dal voto, ognuno tenta di 'far suo' il programma del leader di 'fare per fermare il declino'. Il primo a lanciare un appello in questo senso e' Umberto Ambrosoli. ''I punti fondamentali della proposta di Giannino per la Regione Lombardia come la trasparenza, la meritocrazia e la liberazione del mondo della sanita' dalla politica sono i punti del nostro programma'', spiega di prima mattina l'avvocato in corsa per il centrosinistra che strizza l'occhio anche ai possibili elettori grillini: ''Spero che i cittadini del Movimento 5 Stelle possano comprendere che per portare alcune loro tematiche al governo della Regione devono votare Ambrosoli, l'unica alternativa a chi ci propone continuita'''. Anche Roberto Maroni guarda speranzoso al passo indietro di Giannino e si appella ai potenziali (ex) elettori del giornalista-economista. ''Mi rivolgo a quelli che volevano votare Oscar Giannino per i contenuti delle sue proposte.

Dico che noi - puntualizza il segretario federale della Lega Nord - abbiamo contenuti su liberalizzazioni, piu' mercato e meno Stato, sovrapponibili ai suoi. Quindi votate Roberto Maroni''.

Il leader del Carroccio non manca di ricordare l'analoga disavventura di Renzo Bossi, che ''fu massacrato'' quando si scopri' che la sua laurea albanese venne comprata con soldi del partito. Intanto e' scontro tra Maroni e Albertini sul taglio delle province. E' il candidato del Carroccio, in mattinata, a precisare che l'abolizione delle province e' prevista nel programma Pdl-Lega Nord, ma ''attraverso una riforma della Costituzione, e non con la scorciatoia inaccettabile della legge votata dal governo Monti''. Quanto basta a scatenare la reazione dell'avversario 'montiano', pronto a ricordare le resistenze dei padani in questo senso. ''Maroni si conferma il Fregoli della politica italiana.

Senza ritegno ora promette che aboliranno le province'', attacca Albertini che ancora una volta sceglie un'espressione tipica del dialetto milanese: ''Rob de mat''. fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%