domenica 04 dicembre | 18:12
pubblicato il 14/gen/2013 10:40

Lombardia: Ambrosoli (Pd), mi aspetto che Albertini parli

(ASCA) - Roma, 14 gen - ''Mi aspetto che Albertini, che conosce cose gravi, parli presto. Perche' forse sono cose che i cittadini lombardi devono sapere. Che la Lega parli di linguaggio ''con la coppola' mi sembra poco istruttivo. Se la Lega non avesse interesse a sapere di cosa si sta trattando, vuol dire che le va bene avere come alleato Formigoni che potrebbe avere scheletri nell'armadio gravi. Serve una dichiarazione pubblica del contenuto di cio' che ha detto. O Albertini sovrastima il significato di elementi a sua conoscenza o effettivamente e' a conoscenza di elementi che i cittadini devono conoscere per capire il gioco che c'e' dietro l'accordo tra Lega e Pdl''. Queste le parole di Umberto Ambrosoli (Pd) a Tgcom24. ''L'identita' del Pd non si fonda sulla debolezza degli altri ma si fonda su valori. I nostri avversari stanno facendo un piccolo gioco delle parti, c'e' uno scambio di ruoli di potere. Gli elettori del centrodestra in Lombardia hanno un'alternativa, a sinistra c'e' una certezza, una volonta' di cambiamento. In questo momento - aggiunge Ambrosoli - Formigoni non e' libero di decidere dove portare la propria prospettiva politica e decidere con chi interpretarla. Questo ci dice che neppure Maroni e' libero, neppure lui ha potuto mantenere la propria retta via e di rispettare quanto detto ai propri elettori.

Sono legati da una sorta di costrizione di potere. I sondaggi? Li guardo con grande curiosita' perche' aiutano a capire le prospettive. A volte pero' sovrastimano la prospettiva, come accaduto alle comunali tra Moratti e Pisapia. Nei 40 giorni che rimangono la campagna elettorale sara' un bussare alla porta della gente, facendo vedere che ho il coraggio di espormi, per creare un rapporto che non si concludera' con le elezioni. Formigoni ha detto di non essere stato mai un uomo solo al comando? Ognuno ha una percezione di se' che non sempre e' quella della collettivita'. Pero' prima o poi, con la percezione della collettivita' deve farci i conti''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari