martedì 21 febbraio | 14:12
pubblicato il 21/feb/2013 15:45

Lombardia: Albertini, voto disgiunto utile solo a chi interessa

(ASCA) - Milano, 21 feb - Il voto disgiunto e' utile solo a chi e' direttamente interessato. Ne e' convinto Gabriele Albertini, candidato 'montiano' alla presidenza della Regione Lombardia, che nel corso del confronto tv in diretta su Rai 3 Regionale ha spiegato: ''Il voto disgiunto e' propugnato solo da chi lo ritiene utile per se' stesso''. L'ex sindaco di Milano si e' soffermato in particolare sul caso di Pietro Ichino, candidato di 'Scelta Civica' che si e' detto pronto a votare Ambrosoli alla presidenza della Regione: ''Ichino e' comprensibile, e' stato uno dei sponsor della candidatura di Ambrosoli'', ha detto Albertini, negando che il suo rappresenti ''un voto di disturbo'' per le principali coalizioni: ''Non ci interessa il potere, ma il progetto. Il nostro obiettivo non e' soltanto vincere, ma offrire a cittadini proposta diversa da demagogia centrodestra e promesse massimaliste e ideologiche della sinistra. Lavoriamo per le prossime generazioni''.

fcz/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia