martedì 17 gennaio | 08:50
pubblicato il 20/feb/2015 16:31

Lo sfogo di una donna Rom: sfortunati di essere nati zingari

"Non ci danno lavoro, licenziati appena lo vengono a sapere"

Lo sfogo di una donna Rom: sfortunati di essere nati zingari

Milano (askanews) - Una donna rom del campo autorizzato di via Negrotto a Milano parla con i giornalisti dopo il colloquio avuto con il leader della Lega Nord Matteo Salvini, che durante la sua visita all'insediamento ha più volte ripetuto di volere la chiusura di tutti i campi rom, sull'esempio di altri Paesi europei.

"Se andiamo in una casa, pagando l'affitto, lavoro non c'è, come facciamo a vivere? Adesso andiamo per ferro, e si vive appena appena. Si vende e si prendono trenta-quaranta euro. Se andiamo in una casa bisogna pagare affitto, condominio, come si fa? Voi che avete lavoro, potete pagarlo. A noi dopo due mesi ci sbattono fuori. Abito qui da 49 anni. Avevamo un lavoro, ma sapendo che siamo zingari licenziati. Lo dico sempre. Sfortunati di essere nati zingari. E basta".

Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello