domenica 04 dicembre | 20:09
pubblicato il 10/gen/2013 13:49

Lista Ingroia: Di Pietro, oltre 70% da societa' civile e io no capolista

Lista Ingroia: Di Pietro, oltre 70% da societa' civile e io no capolista

+++ ''Beppe Grillo? Per sposarsi bisogna essere in due'' +++.

(ASCA) - Roma, 10 gen - ''Io non saro' capolista e la lista sara' composta per oltre il 70% da rappresentanti della societa' civile, ci sara' Ilaria Cucchi, come gia' annunciato da Ingroia, la dottoressa Stramaccioni che portera' la sua esperienza in Libera, il figlio di Pio La Torre e tanti altri esponenti della societa' civile''. Lo ha annunciato Antonio Di Pietro, leader dell'Idv, intervenendo a ''28 minuti'', su Radio2. Quanto a Beppe Grillo ''per sposarsi bisogna essere in due. Lui ha fatto una scelta di campo. Vuole protestare''.

In merito invece a Ingroia, Di Pietro spiega che ''ha preso un'aspettativa, come fece anche De Magistris. Io mi dimisi subito. La toga ce l'ho nel cuore e l'ho consegnata a mia figlia che aspira alla carriera diplomatica ma per ora e' una delle tante disoccupate che cerca di sbarcare il lunario''. map

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari