lunedì 20 febbraio | 13:03
pubblicato il 22/mar/2011 20:54

Libia/Pd su scia Onu-Napolitano, col timore che Governo si sfili

Domani coordinamento per fissare linea. Malumori Ppi e sinistra

Libia/Pd su scia Onu-Napolitano, col timore che Governo si sfili

Roma, 22 mar. (askanews) - L'Onu e Giorgio Napolitano: sono queste le due 'stelle polari' che il Pd segue in questo momento sulla crisi libica. Il segretario del partito Pier Luigi Bersani ha fissato per domani la riunione del coordinamento del partito, l'organo che comprende tutti i 'big' democratici, per fissare la linea in vista di un dibattito che viene visto con qualche apprensione. Il punto, questa volta, non sono tanto i malumori di alcuni parlamentari, che pure ci sono e verranno allo scoperto al momento del voto (Enrico Gasbarra, Paolo Nerozzi, Lucio D'Ubaldo tra gli altri), quanto il rischio di ritrovarsi ad essere 'più realisti del re', ovvero di schierarsi a favore dell'intervento armato mentre il Governo cerca di sfilarsi. Non a caso fino a questo momento non esiste ancora un testo della risoluzione del Pd. Non solo perché il Governo potrebbe cercare la convergenza su di tutte le forze su un unico testo, cosa finora non avvenuta, ma perché, come spiega appunto un dirigente Pd, si aspetta di capire quale sarà la mediazione tra Pdl e Lega. Peraltro, in ogni caso, il Pd ha tutto l'interesse ad enfatizzare la diversità di posizioni nella maggioranza e, quindi, a presentare un proprio documento sottolineando al tempo stesso le concessioni che Berlusconi dovrà fare a Bossi nella risoluzione comune Pdl-Lega. Bersani, insomma, domattina farà il punto con i vari Massimo D'Alema, Walter Veltroni, Giuseppe Fioroni (anche lui molto perplesso sulle operazioni, anche se il suo voto finale non è in discussione), Franco Marini, Dario Franceschini e via dicendo. Anche se sulla linea 'ci atteniamo alla risoluzione Onu e alle parole di Giorgio Napolitano' nessuno in questo momento ha dubbi. Semmai, come avvertiva Fioroni, il problema è in prospettiva: cosa fare se la situazione si complica? "Io mi preoccupo del dopo", spiegava Fioroni in Transatlantico. Vale a dire del dopoguerra, che potrebbe anche vedere uno scenario 'somalo', con la Libia divisa. E nel frattempo, aggiungeva il capogruppo in commissione Esteri alla Camera Francesco Tempestini, "il problema sarà che una volta imposta la 'no-fly zone', tra due o tre giorni, non ci saranno le condizioni politiche per altri interventi. E rischiamo di ritrovarci in uno stallo: sorvoleremo la Libia, senza in realtà fare nulla, senza sparare un colpo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia